Gina Lollobrigida, la diva tormentata: lo stupro da un calciatore della Lazio, le nozze a 91 anni, il figlio e la lotta per l'eredità

Il matrimonio con Milko Skofic che nascondeva il dolore per la violenza. Negli ultimi anni la causa per l'eredità e il ruolo di Piazzolla

Video

Il 2023 porta via all'Italia un altro simbolo. Gina Lollobrigida è morta a 95 anni. La diva per eccellenza è stata icona di bellezza nel mondo. Scoperta nel '47 grazie a Miss Italia, ha avuto presto successo all'estero e ha costruito la carriera che l'ha portata nel gotha degli eterni. Oggi, 16 gennaio, tutto il mondo piange la scomparsa di una delle ultime regine del '900.

Ryan, Rocco Hunt manda un videomessaggio al bambino picchiato a Ventimiglia: «Ti aspetto a un mio concerto»

Malore improvviso, Marco Marotta si sveglia con un dolore al petto e muore: il capo scout aveva 31 anni

La vita privata

Bella e di successo, ma tormentata nel privato da uno stupro che ha avuto il coraggio di raccontare solo a 91 anni. La "Lollo" ha sposato nel 1949 il medico sloveno Milko Skofic. Un amore lungo 20 anni, dal quale nasce il figlio Andrea. Di recente l'intervista, che ha svelato il vero significato di quelle nozze: superare il trauma della violenza subita da un calciatore della Lazio, di cui non ha mai fatto il nome. 

Il suo secondo amore è stato Javier Rigau, imprenditore spagnolo di 37 anni più giovane. Gina Lollobrigida l'ha sposato a 91 anni, svelando che in realtà la loro relazione andava avanti dagli anni Settanta, quando lui aveva solo 15 anni. In seguito l’attrice ha dichiarato di essere stata sposata a Barcellona con l’inganno da Rigau e la vicenda finì in tribunale, finché il matrimonio è stato annullato dalla Sacra Rota. Ma lui non aveva mai ammesso le accuse: «Sono più ricco di lei, non l'ho sposata per i soldi». 

 

Il figlio e la lotta per l'eredità

Gli ultimi anni di vita dell'attrice sono stati caratterizzati dalla causa per l'eredità, nella quale suo figlio ha attaccato factotum della star, Andrea Piazzolla, nominato amministratore di sostegno, di abusare «dello stato di deficienza psichica della diva». Lei, in una delle sue ultime interviste, aveva confessato tutto il malessere per la vicenda: «Subisco attacchi alla mia persona e al mio patrimonio che mi sono costruita da sola. Io a 94 anni non voglio altro che morire in santa pace. Mi sento umiliata. Io ho fatto del bene a mio figlio e adesso l’ho avuto contro di me», aveva detto a Mara Venier. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Gennaio 2023, 12:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA