Festa del cinema di roma, John Travolta presenta The Fanatic: «Sono fan di Fellini, Bertolucci e Loren»
di Michela Greco

Festa del cinema di Roma, John Travolta presenta The Fanatic: «Sono fan di Fellini, Bertolucci e Loren»

«Sono felice», dice John Travolta, in italiano, appena si siede davanti ai giornalisti venuti ad ascoltarlo in conferenza stampa alla Festa del Cinema di Roma, in attesa del suo Incontro Ravvicinato del pomeriggio. Poi lo dimostra rispondendo con generosità alle domande e sorridendo spesso e volentieri, tranne quando un cronista gli chiede della sua adesione a Scientology. A quel punto si acciglia, ammutolisce e lascia intervenire il produttore del film The Fanatic (in programma alla Festa), che si impone: «Parliamo di cinema».

Leggi anche> Scorsese a Roma: «Il mio Irishman, film tra vecchi amici sul tempo che passa»

E allora l’attore parla del suo ultimo lavoro, in cui interpreta un fan ossessivo che perseguita la star che ammira. «Devo ammettere che questo personaggio riflette alcune mie passioni nascoste - dice - so cosa significa essere fanatico e mi piace essere posseduto dalla presenza della persona che amo. Sono un fan di Jim Cagney, che sapeva ballare e cantare, di Sophia Loren, del cinema di Federico Fellini e Bernardo Bertolucci».

Barbetta incolta e testa rasata, Travolta ripercorre volentieri la sua carriera e i momenti cult: «Sono orgoglioso di aver preso parte a film che hanno lasciato un segno e hanno resistito nel tempo. I più memorabili sono Grease, Pulp fiction e La febbre del sabato sera». Tre pietre miliari in cui ha espresso anche il suo talento da ballerino: «Recentemente ho fatto un favore a un amico, il rapper Armando Pérez, e ho ballato il tango in un suo video. Io ballo ancora e credo che oggi Tony Manero ballerebbe proprio un tango». Acclamato dal pubblico, che ha aspettato un’ora prima di vederlo comparire in Sala Sinopoli per l’Incontro Ravvicinato, Travolta ha rievocato i suoi quattro rifiuti andati a beneficio di Richard Gere: «Non ho fatto I giorni del cielo per problemi contrattuali, scoprendo poi molto più tardi che avevo spezzato il cuore a Terrence Malick. Mi ha detto che ha aspettato 17 anni prima di fare un altro film, tanto rimase deluso. Nel caso di American Gigolò ho avuto un problema con Paul Schrader, in quello di Ufficiale e gentiluomo, che è stato scritto per me, ho preferito la vita al cinema: invece di fare il film sono diventato davvero un pilota di jet. Infine per Chicago è stata colpa mia: sono cresciuto in un’epoca in cui le donne amavano gli uomini, ho visto questo spettacolo teatrale in cui le donne odiano gli uomini e ho deciso di non farlo. Ho sbagliato, il film in realtà era diverso, più morbido».

Divertito dal pubblico che applaudiva a ritmo di musica, l’attore ha poi raccontato di come venne scelto per il ruolo iconico di Manero: «A 17 anni ho fatto il provino per Jesus Christ Superstar nel ruolo di Gesù, ma non mi presero perché ero troppo giovane. Il produttore Robert Stigwood però annotò il mio nome, pensando che valesse la pena tenermi d’occhio. Dopo avermi fatto fare La febbre del sabato sera e Grease, mi ha mostrato quel biglietto, allora ho capito che da qualcosa che va storto può venir fuori qualcosa di grande».
Mercoledì 23 Ottobre 2019, 07:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA