Emmanuel Carrère: «E' stata Juliette Binoche a volere il film, io ho solo messo in scena me stesso». In Ouistreham

Emmanuel Carrère: «E' stata Juliette Binoche a volere il film, io ho solo messo in scena me stesso». In Ouistreham

di Michela Greco

Juliette Binoche si spoglia della sua dimensione glamour per diventare una donna di mezza età che ricomincia dalle pulizie dopo essere stata lasciata dal marito. Anzi, per diventare una scrittrice affermata che sguazza nei salotti parigini ma si finge addetta alle pulizie per mettere verità nel suo nuovo romanzo sul lavoro precario.

Marion Cotillard apre Cannes con il film Annette: «Conosco il potere distruttivo della fama, ma io sto con i piedi per terra»

In Ouistreham, terzo film da regista dello scrittore Emmanuel Carrère, l’attrice francese de Il paziente inglese porta l’empatia con un gruppo di ragazze – attrici non professioniste – che si svegliano all’alba per pulire le cabine del traghetto che attraversa la Manica e l’estraneità di una donna borghese, un’intellettuale, che è lì per studiarle.

«Juliette ci ha preso come eravamo – ha raccontato, emozionata, Hélène Lambert, che interpreta una cleaner con cui la scrittrice stringe una forte amicizia – È una star mondiale e si è adattata al nostro ambiente, si è messa al nostro livello»


Film di apertura della Quinzaine des Réalisateurs, sezione parallela del Festival di Cannes, Ouistreham (che uscirà in Italia da Teodora) deve la sua realizzazione all’ostinazione di Juliette Binoche: «Dieci anni fa la giornalista Florence Aubenas pubblicò il libro ‘Le Quai de Ouistreham’ e fu un grande successo – ha spiegato Carrère - Si parlò presto di un adattamento cinematografico, ma l’autrice era riluttante. Juliette, però, si era innamorata della storia e anno dopo anno è tornata a chiedere quando sarebbe stata portata sullo schermo, finché Aubenas ha accettato, a condizione che io ne fossi il regista».

E per l’autore de ‘L’avversario’ non c’era nulla di meglio di una storia in cui lo scrittore deve “usare” l’autenticità del materiale umano con viene in contatto per i suoi scopi letterari: «Nei miei lavori metto in scena anche me stesso, con tutti i miei dubbi e i miei stati d’animo, proprio per questo mi sono identificato moltissimo nel personaggio di Juliette».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Luglio 2021, 13:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA