Kate Winslet e Saoirse Ronan in Ammonite: «La sfida d'amore di due donne nell'800»
di Alessandra De Tommasi

Kate Winslet e Saoirse Ronan in Ammonite: «La sfida d'amore di due donne nell'800»

KATE WINSLET

 

Andatura pesante, sguardo intimidatorio e carattere ermetico: Kate Winslet è irriconoscibile nella sua ultima trasformazione nel film Ammonite – Sopra un’onda del mare, appena arrivato in esclusiva digitale sulle maggiori piattaforme. Nei panni dismessi della paleontologa Mary Anning la diva di Titanic mette in scena una love-story al femminile ambientata nel 1840. E colpisce dritto al cuore.


Cosa la accomuna alla ieratica presenza di Mary?


«Pochissimo: io sono una passionale, che si anima per le cose e gesticola. Calarmi nella sua staticità è stato difficile, anche considerando che all’epoca le donne non avevano altro scopo se non il matrimonio, un’opzione che lei, una scienziata indipendente, non contempla affatto».


Come se la cava nel disegno?


«Sono una frana ma ho preso lezioni d’arte per fingere di disegnare i fossili come fa Mary, nel frattempo mi sono isolata dal resto del cast per vivere come lei, una specie di eremita silenziosa. Questo distacco ha messo a tacere la mia solita ansia da prestazione».


Come ha ricreato l’intimità con Saoirse Ronan?
«La conoscevo da prima, ma non eravamo in confidenza. Prima delle riprese però siamo diventate amiche e da lì abbiamo creato quest’alchimia che si vede in scena. Sono stata fortunata, non sempre accade con il tuo partner sul set».


Una relazione lesbo in un film è oggi un proclama politico, vero?


«Sono orgogliosa di aver messo in scena un amore che coinvolge persone dello stesso sesso e ancora di più in una storia in costume. Mi piace che queste due si amino e basta, si capiscono e non scappano dalla società né si nascondano, com’è giusto che sia. Per una volta ho rappresentato una relazione tra pari, mentre di solito si vedono dinamiche di coppia in cui l’uomo si prende il potere e decide per entrambi. Qui invece le donne decidono per sé, e chi meglio di loro sa cosa cerca l’altra?».

 

SAOIRSE RONAN

 

Chiusa a riccio nel suo lutto, malata e depressa: Saoirse Ronan prende su di sé il dolore della sua Charlotte Murchison nel dramma romantico Ammonite, scritto e diretto da Francis Lee, per poi rinascere alla vita grazie all’incontro con l’amore. Seppur sposata, la lady dell’alta società s’innamora di Mary Anning e vive con lei un rapporto totalizzante di passione e fiducia.


Com’è riuscita a calarsi nei panni di Mary?


«Ho iniziato a tenere un diario, come se fossi lei: vi ho annotato i suoi pensieri perché la vicenda, tratta da una storia vera, ha degli agganci storici. Pur non sapendo tanti dettagli, ho messo nero su bianco quanto conoscevo della vicenda, i piccoli fatti che conoscevo assieme alle relazioni familiari e all’amore per i fossili».


E cosa ha capito?


«Mary è più talentuosa del marito ma si è dovuta fare da parte».


Com’è stato l’incontro con Kate Winslet?


«Siamo molto diverse: lei è organizzatissima, usa post-it e adesivi, ma alla fine abbiamo usato un metodo simile e ottenuto una sorta di placida quiete tra i nostri personaggi. Prima di muovermi guardavo cosa faceva lei e mi sentivo rassicurata».


È diverso girare scene intime con una donna?


«Mi sono sentita al sicuro su questo set, a mio agio e totalmente affidata nelle mani di Kate, peraltro un intero dipartimento della troupe, quello delle riprese, era tutto al femminile. Tutto questo ha contribuito a creare un’atmosfera rilassata. Ci capivamo al volo».


Cosa le piace del legame tra Charlotte e Mary?


«Sono attratta dall’idea che la passione per il lavoro sfoci poi in amore. È una delicata progressione del rapporto e infatti ci ha aiutato girare le scene in sequenza e crescere con i personaggi». 


Che tipo di consigli ha chiesto?


«Le mie amiche lesbiche mi hanno solo detto che ci sono pochi film su questo tipo d’amore ed ero felicissima di poterlo incarnare, portarlo in vita sullo schermo nel modo più rispettoso e autentico possibile».


Ultimo aggiornamento: Martedì 4 Maggio 2021, 08:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA