Alessandra De Tommasi «La mia taglia Nutella in prima persona». Lo sfogo della nostra collega sulla vita da taglia "over 46" in Italia

Alessandra De Tommasi «La mia taglia Nutella in prima persona». Lo sfogo della nostra collega sulla vita da taglia "over 46" in Italia

Giorni fa un’ex compagna di scuola sbuca dal nulla e su Facebook pubblica una nostra foto insieme alle elementari davanti alla sua torta del compleanno. Fioccano i commenti, il più gentile: “Attenta che quella si mangia pure te”. Le ho chiesto di eliminarli o almeno di smorzare i toni, mi ha dato della permalosa e dell’estremista che voleva tarpare le ali della libertà d’espressione altrui. La vita plus size funziona così.

Elena Santarelli choc, lo zio si suicida. Il commovente post su Instagram: «Aveva una figlia disabile»

Da anni faccio parte della giuria del Festival della TV di Monte-Carlo e per il cocktail ristretto con il Principe Alberto II di Monaco finora ho sempre comprato all’estero l’abito che il protocollo impone. Quest’anno non ne ho avuto il tempo e ho trascorso settimane di ricerche online e peregrinazione nei negozi italiani. Nella migliore delle ipotesi mi hanno consigliato sacchi informi per mascherare o nascondere una taglia scomoda con una X nel nome. Così, sotto scacco dallo sguardo disgustato o compassionevole delle commesse, ho ripiegato sull’unico – e costosissimo – capo disponibile. Risultato? Non ho scattato neppure una foto della sera più bella del mio anno professionale: quella persona in tunica blu non ero io ma solo la gentile concessione di una ditta d’abbigliamento caritatevole. Dopo l’ennesimo commento spiritoso sulla mia “taglia Nutella” mi sono messa a dieta raggiungendo 59 chili per 175 centimetri di altezza. Ero magra, ma non certo felice.

Oggi mi sono disfatta della bilancia smettendo di calcolare la serenità con un numero. Allo specchio sorrido perché, come dice un’amica over 46, “meglio un chilo più ma vivere contenti”. La collega giornalista Costanza Rizzacasa D’Orsogna su Sette suggerisce di smetterla con le scuse per l’ingombro che portiamo nel mondo e iniziare a chiedere un rispetto maggiore. Sono d’accordo. (A. D. T.)
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Luglio 2019, 20:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA