Alec Baldwin dopo la tragedia: «Se nel film ci sono armi, serve un poliziotto sul set»

Alec Baldwin dopo la tragedia: «Se nel film ci sono armi, serve un poliziotto sul set»

Baldwin aveva già chiesto di imporre nuove regole sui set che rendessero obbligatorio l'uso di armi e di proiettili di plastica

Un poliziotto presente su ogni set di cinema o tv dove si usano le armi. E' la nuova proposta che Alec Baldwin fa via social dopo il tragico incidente sul set del suo film «Rust» in cui è rimasta uccisa la direttrice della fotografia Halyna Hutchins. Baldwin ha chiesto a Hollywood di assumere un poliziotto su ogni set in cui si usano armi. «Ogni set di film o di serie tv che usa pistole, vere o false che siano, dovrebbe avere un poliziotto sul set, assunto dalla produzione, per sorvegliare specificamente la sicurezza delle armi» ha scritto l'attore sui suoi profili social. 

 

Leggi anche > Francia, poliziotti attaccati con un coltello: «È terrorismo islamico». L'aggressore ha un permesso di soggiorno italiano

 

Baldwin, protagonista e produttore di «Rust», il 21 ottobre in New Mexico aveva aperto il fuoco con un'arma che riteneva caricata a salve e che invece ha ucciso la Hutchins e ferito il regista Joel Souza che si trovava dietro di lei. Nei giorni scorsi, a seguito di quello che aveva definito «un evento orribile», lo stesso Baldwin aveva chiesto di imporre nuove regole sui set che rendessero obbligatorio durante le riprese l'uso di armi e di proiettili di plastica.


Ultimo aggiornamento: Martedì 9 Novembre 2021, 08:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA