Nancy Brilli su Leggo: se “poromo” è stanco

Video
di Nancy Brilli

Leonardo, a modo suo, sostiene ammirato la superiorità dell'altra metà del cielo. Assertivo, convinto, proclama il diritto di parità sempre e comunque, sedicente scevro da preconcetti si diletta nello sviscerare ogni minimo tabù, discetta di lesbismo come pure di assorbenti con le ali, e di vagine e di reggipetti che trova (lui!) scomodissimi.

 

La donna deve essere libera. La donna. Non la moglie. Ella subisce invece il trattamento del secchio della mondezza, in cui egli rovescia tutte le paturnie accumulate durante la giornata. Fa della famiglia un uso assolutamente personale: lavorando moltissimo, e rinfacciandolo vieppiù a tutti, non si fila nessuno manco per un momento, entra in casa, saluta con un omnicomprensivo ciaoamore, e cena totalmente muto, che si sa, il poromo è stanco, e dev'esser pur vero, visto che non fa in tempo ad afferrare il telecomando che già attacca a russare, prima ancora di essere completamente steso a letto. Dove vado a parare? Essere coerenti, produrre un po' di meno e condividere un po' di più. Se si sta ancora lì attaccati tutti insieme, qualcosa di bello lo avete fatto. Della superiorità nessuno se ne fa niente, ma dalla presenza e dal rispetto tutti traggono solo bene.


(brillisevuoi@leggo.it)

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 


Nancy Nicoletta Brilli nasce a Roma il 10 aprile del 1964. È attrice, abbastanza pittrice e regista e molto Capofamiglia. Inizia a lavorare a 19 anni nel film Claretta di Pasquale Squitieri, da allora ha recitato senza interruzione in cinema, teatro, televisione e web. Beh, fino all'inizio del Covid, almeno.


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Aprile 2021, 08:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA