Venom, che noia il cattivone vecchia maniera
di Boris Sollazzo

Venom, che noia il cattivone vecchia maniera

Se di un film, alla fine della sua proiezione, ricordi con più piacere l'ultima scena dopo i titoli di coda - praticamente un cortometraggio di presentazione del prossimo Spider-Man: Into the Spider-Verse - forse qualche problema quel lungometraggio l'ha avuto. Parliamo di Venom, spin-off della saga dell'Uomo Ragno e presto franchise parallelo che arriva fuori tempo massimo. Perché la sua collocazione naturale sarebbe stato tra il secondo e il terzo Spider-Man, perché quella narrazione scanzonata, approssimativa e ammiccante andava bene, e non benissimo, una dozzina d'anni fa, perché Tom Hardy non è Robert Downey Jr e a fare il supercazzone, bisogna saperlo fare.

Il buon Tom è un signore attore, fa un ottimo lavoro in lingua originale, ma non dà spessore né efficacia al tono da commedia che ha, spesso, questo buddy movie in un corpo solo, con un parassita - ma non chiamatelo così - e il suo corpo ospite che si fanno lunghe chiacchierate, confidenze, si sfottono ma sotto sotto si affezionano l'uno all'altro. Una dinamica che era vecchiotta già ai tempi di Beverly Hills Cop. Venom è un frullato di archetipi Marvel d'annata, ma in tempi di Avengers: Infinity War è come considerare credibile e godibile, in questo secolo, l'Hulk di Lou Ferrigno. Questo cattivone che stacca teste ma in buona parte del film ti fa cadere altre parti anatomiche, non ai nemici ma a te spettatore, ti fa proprio quell'effetto lì: tenerezza divertita, nei momenti migliori. Un po' poco per un personaggio che nei fumetti è complesso e inquietante. Manca tutto: scene d'azione degne non degli Avengers ma almeno di Ant-Man, inspiegabilmente non c'è l'Uomo Ragno (citato nell'unica scena decente, il bacio tra Michelle Rodriguez e Venom-Hardy), non è abbastanza dissacrante né sufficientemente epico, non ha colpi di scena e non ci racconta nulla di nuovo del Marvel Universe. Troppo cattivi? No, se è vero che proprio Hardy ha detto che «i miei 40 minuti preferiti del film sono stati tagliati».
Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 09:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA