Ballando con le Stelle, Simone Di Pasquale lancia la prima Virtual Dancer Academy: «E' una grande sfida!»

Video
di Ida Di Grazia

Ballando con le Stelle, Simone Di Pasquale lancia la prima Virtual Dancer Academy: «E' una grande sfida!». Nasce Virtual Dancer Academy (www.virtualdanceracademy.com), la prima Accademia di Danza Virtuale 100% italiana on demand e live: una piattaforma interamente dedicata a lezioni di ballo di ogni stile e adatte a tutti, con i migliori Maestri “stellati” del Mondo, online da oggi mercoledì 9 dicembre.

 

Leggi anche > X Factor 2020, la finale: Super ospiti i Negramaro e Madame. Per la prima volta i cantanti duetteranno con i loro giudici

 

 

 

Il progetto di Simone Di Pasquale, storico maestro di Ballando con le stelle è ideato e realizzato da un team di esperti in digital communication, composto da Tommaso Balzano, Rocco Grasso e Valeria Genova. Il loro obiettivo è chiaro: “essere i primi a creare un’esperienza digitale a 360° per il ballo di coppia”.  «Verso la fine del lockdown - ha raccontato a Leggo Simone Di Pasquale - mi hanno proposto questo progetto. Ero un po' scettico, perchè il mondo del web è così vasto, ma allo stesso tempo tanto incuriosito, soprattuto perchè non esiste una piattaforma di questo tipo dedicata al ballo. E' una grande sfida! Sono un po' diesel però mi piace provare e sperimentare cose nuove, ed eccoci qui!».

Virtual Dancer Academy è un vero portale on demand dove gli utenti avranno la possibilità di scegliere tra un’ampia selezione di “strutture coreografiche” che potranno visualizzare e praticare in qualsiasi momento e luogo, con il device a loro disposizione (pc, tablet, mobile, smartTV). Appassionati, professionisti, agonisti, scuole di ballo o semplici curiosi, chiunque potrà iscriversi con differenti modalità di abbonamento (mensile, trimestrale o annuale), e una volta iscritto accedere liberamente alla piattaforma e selezionare tra: diversi stili di ballo, livelli e insegnanti, seguendo 24/24 h le lezioni on-demand o scegliendo lezioni live singole o in small group.

 

«La piattaforma è semplicissima da usare - ha spiegato Simone Di Pasquale -  troverete centinaia di video e ritroverete quasi tutti i maestri di Ballando con le Stelle. L'interazione ci sarà perchè proponiamo delle lezioni one to one ma anche di gruppo. Non vogliamo sotituire il rapporto vero, speriamo presto di poter tornare agli eventi live, ma intanto questa formula può essered'aiuto magari per chi ha sempre voluto ballare ma non si è cimentato per timidezza. oppure per chi ama il ballo ma non può permetterselo, e il nostro abbonamento costa 50 centesimi al giorno, ma anche per chi vorrebbe fare lezione con uno di noi e viva dall'altro capo del mondo!»

 

 

Oltre a Simone Di Pasquale, gli utenti potranno seguire comodamente da casa, soli o in compagnia, le sequenze di ballo di vere stelle internazionali della danza, coreografi che attraverso la loro professionalità hanno portato il loro stile nei programmi di prima serata di tutto il mondo, fra di loro: Sara Di Vaira, Veera Kinnunen, Anastasia Kuzmina, Tove Villfor, Ornella Boccafoschi, Daniela Ayala, Maria Ermachkova e ancora Antonio Fini, Maykel Fonts, Stefano Oradei e Giordano Filippo. Virtual Dancer Academy consentirà di: partecipare ad eventi speciali e competizioni, acquistare abiti sartoriali italiani della linea “Personal DanceWear” (nata da un’idea di Simone Di Pasquale con la collaborazione di Claudia Mazzocco), fruire di contributi video esclusivi dei “Maestri Stellati" integrando l’offerta presente nel proprio abbonamento, acquistare e partecipare a corsi di aggiornamento professionale, workshop, stage, lectures, ecc.

 

«Sulla piattaforma troverete tutti i di coppia e non come salsa, rumba, jive, tango, bachata, walzer, milonga, ma anche stretching e pilates. Abbiamo poi una sezione dedicata agli abiti da ballo. Insomma vogliamo essere una community, cercheremo di interagire il più possibile in attesa di ritrovarci fisicamente. La potenza del web è enorme abbiamo iscritti da tutta Europa, tantissimi gli italiani ma anche dalla Svizzera, dalla Slovenia, dall'Inghilterra, ma anche Zimbawe e Giappone».

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Dicembre 2020, 21:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA