GraArt, viaggio nella street-art che abbellisce il Raccordo
di Valeria Arnaldi

GraArt, viaggio nella street-art che abbellisce il Raccordo

Colectivo Licuado a Ottavia. Lucamaleonte al Trionfale. Veks Van Hillik a Boccea. Camilla Falsini in zona Ciampino. Maupal alla Romanina, Chekos a Tor Vergata, Julieta XLF in via Aurelia. E, ancora al lavoro, Koz Dos a La Rustica, Nicola Alessandrini in via Collatina e David Diavù Vecchiato in zona Torrino.

Sono street artist italiani e stranieri a firmare dieci nuovi murales “monumentali” nei sottopassi e nelle rampe del Gra. È il progetto GRAArt, curato dallo stesso Diavù - fondatore di M.U.Ro - il Museo di Urban art di Roma - e promosso da Anas e patrocinato da Mibact. Gli interventi pittorici hanno preso il via lo scorso novembre. Ogni artista ha “studiato” la zona destinata a ospitare il suo murale e, in generale, la città, andando anche a visitare musei e centri espositivi. A prendere forma, grazie alle opere, storie e leggende di Roma legate ai vari territori, scelte con la consulenza della scrittrice Ilaria Beltramme.

Si va così da I guardiani di Ottavia, in via Casorezzo, firmati da Colectivo Licuado al Martirio di Rufina e Seconda, eseguito da Lucamaleonte, in via Casal del Marmo, al Trionfale, da Shewolf Queen di Veks Van Hillik, in via di Boccea, a Obelisco Nasone di Maupal (Mauro Pallotta, quello del murale cancellato di Papa Francesco che gioca a tris della pace a Borgo Pio) in via Rosano. Ogni opera sarà poi corredata da una targa con Qr Code per consentire a passanti, curiosi e appassionati di accedere al sito web dedicato al progetto, leggere le storie che hanno ispirato gli interventi e le biografie degli artisti. L’esperimento romano potrebbe fare presto da modello per progetti simili in altre città, usando la street art come strumento per sollecitare decoro e amore per il territorio. «Le periferie - ha commentato il ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini - sono il luogo dove si stanno giocando le sfide del futuro, dall’integrazione alla crescita demografica».
© RIPRODUZIONE RISERVATA