Amici17 Dopo la canzone Irama dedica la vittoria alla nonna:«Ho pensato a lei tutta la sera»
di Ida Di Grazia

Amici17 Dopo la canzone Irama dedica la vittoria alla nonna:«Ho pensato a lei tutta la sera»

«Stasera mentre salivo sul palco ho pensato a mia nonna a cui ho dedicato una canzone, la mia vittoria la rivolgo a lei». E' questa la splendida dedida d'amore che Irama ha fatto alla nonna scomparsa dopo essere stato proclamato vincitore. Il cantante di Amici era il favorito dei bookmaker e degli addetti ai lavori che in lui hanno visto un grandissimo potenziale.

Amici 17: vince Irama, Carmen al secondo posto. Einar e ​Lauren eliminati​
Amici 17, Maria De Filippi si commuove al ricordo della mamma: « Non c'è giorno in cui non pensi a lei»



La canzone a cui fa riferimento Irama è "Un Respiro", brano con cui si è presentato al pubblico del talent di Maria de Filippi in cui racconta il suo rammarico per non poter dire addio o rivedere ancora una volta la sua amata nonna scomparsa. Prima di questo lutto il cantante aveva comprato alla nonna un biglietto per un concerto a cui non sono mai potuti andare. Il suo più grande rimpianto è che voleva dire a sua nonna che quel concerto era proprio il suo. E nel brano scritto da lui c'è proprio questo passaggio molto intenso: "Fingo di aspettarti ma il ghiaccio si scioglierà 
so che non tornerai, e no che non tornerai, ho ancora il biglietto per quel concerto a cui non verrai. Dammi solo un buon motivo, dammene uno, solo il perché sei partita senza dirlo a nessuno, niente di che mi aspettavo solamente un saluto, siamo io e te a guardarci tra le nuvole e il fumo. Vorrei tornare indietro solo per un addio e dirti che 'il concerto era il mio', per dirti 'quel concerto era il mio'". 



Testo Un Respiro
Un respiro si toglie solo se il cuore ti batte di più 
o col bacio sul collo di un’altra bottiglia che butterò giù, che butterò giù 
con la faccia pulita e una pelle che sporca dai lividi blu, sempre di più, come un tattoo 
Steso a terra, ho chiesto a Dio se c’eri anche tu, hey, hey, hey. 
Mi manchi tu, questo è un dejavu 
lo riconosco perché non piango 
quel giorno sembravo un mostro, quel giorno è durato un anno 
le nuvole e il fango, un prete prega bardato per farlo 
nel nome del padre, del figlio e lo spirito salto; questa messa in scena 
me ne vado, mi ricordo un lago, faceva molto freddo 
ed io da solo in isolamento mentre col tempo crescevo con un’isola dentro 

Se non hai più parole e non sei qui con me 
un ricordo banale è tutto ciò che resterà di te 
Uuuuuuuu 
Uuuuuuuu 

Ma quale dio prego, non so se mi spiego 
sono cresciuto pure senza di te, ma sai 
quanti tagli ormai che non saprò mai più richiudere 
Ringrazio il mio ego, non so se mi spiego 
sono cresciuto pure senza te ma sai 
quanti tagli ormai che non saprò mai più nascondere 
Oh now, now, now 
E la voce si spezza (eeeh) 
Quando parlo di te 

So che mi vedi non sono come credevi 
La vita ci ha preso a calci 
Ci ha unito come due fedi 
L’amore rende instabili 
Forti pure indifesi 
Piangiamo come dei salici 
Lottiamo come dei guerrieri 

Se non hai più parole e non sei qui con me 
un ricordo banale è tutto ciò che resterà di te 
Uuuuuuuu 
Che mi resta di te 
Uuuuuuuu 

Un respiro si toglie soltanto se il cuore ti batte di più 
Ho quel bacio sul collo di un’altra bottiglia che butterò giù 
Con la faccia pulita e una pelle che è sporca dai lividi blu 
non mi manca più il fiato ma mi manchi tu 

Yeah 

Oggi è venerdì, scrivo un po’ di più 
non mi sento giù, non mi sembro io mentre guardo in su 
stringo dentro gli occhi la tua stessa luce mentre un ricordo mi strappa il cuore 
c’è un altro che lo ricuce 
vita toglie vita dà 
vieni su al solito bar 
fingo di aspettarti ma il ghiaccio si scioglierà 
so che non tornerai, e no che non tornerai 
ho ancora il biglietto per quel concerto a cui non verrai 
Dammi solo un buon motivo, dammene uno, solo il perché 
sei partita senza dirlo a nessuno, niente di che
mi aspettavo solamente un saluto, siamo io e te 
a guardarci tra le nuvole e il fumo 
Vorrei tornare indietro solo per un addio 
e dirti che "il concerto era il mio" 
per dirti “quel concerto era il mio” 
se non hai più parole

 
Martedì 12 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 11:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME