Andate a dormire molto tardi? Avete il "gene dei gufi": ecco i consigli per un sonno migliore

Andate a dormire molto tardi? Avete il "gene dei gufi": ecco i consigli per un sonno migliore

C'è chi vive di notte e fa fatica ad addormentarsi per poi essere lento al risveglio. Tutta colpa del Dna che potrebbe contenere il "gene del gufo". Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Cell dalla Rockefeller University americana la causa è da riscontrare nella mutazione di un gene chiamato CRY1, “programmato” per addormentarsi tardi e svegliarsi a stento.

Il nome è dovuto al fatto che i gufi vivono in un eterno jet lag con un orologio biologico eternamente sfasato. Per le persone si tratta di un ‘Disturbo della fase del sonno ritardato‘, che colpisce il 10% della popolazione 
Per stare in salute è meglio correre ai ripari e aumentare migliorandole le ore di sonno. Preferibile evitare le brutte abitudini che possono generare insonnia. 

Ecco i consigli per un sonno migliore: 
-Evitare temperature troppo alte nella camera da letto.
-Spegnere completamente cellulari, tablet e computer per evitare che la luce interferisca sul sonno.
-Indossare calzini ma leggeri durante la notte.
-Non bere troppa caffeina.
-Non dormire con i propri animali domestici.
-Non esagerare con gli alcolici.
-Cambiare spesso le lenzuola.
-Non frammentare la sveglia.
-Utilizzare il cuscino giusto per dare maggior sostegno a testa e collo.
-Cambiare materasso ogni 10 anni. 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Aprile 2017, 12:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA