Il mistero dello zucchero di canna: "In Italia quello "grezzo" è solo colorato"

Il mistero dello zucchero di canna: "In Italia quello "grezzo" è solo colorato"

«Prendete lo zucchero grezzo di canna al posto di quello bianco perché è lavorato di meno e quindi più salutare? Ottima scelta, peccato che sia solo zucchero bianco caramellato dopo la diciottesima lavorazione».

Questa la rivelazione che il sito Libertà di Parola ha tenuto a fare con un video su YouTube. In natura, lo zucchero grezzo di canna è umido e terroso, mentre quello che arriva sui nostri supermercati appare più asciutto e granulare, spiegano. Proprio da qui parte la corsa al complotto da smascherare, ma ci sono alcune imprecisioni che non rendono la dimostrazione affidabile.



Il filmato dimostrerebbe come basti schiacciare e pestare dello zucchero di canna grezzo per scoprire che in realtà è zucchero bianco che ha cambiato colore dopo essere stato caramellato. La realtà però è diversa: a conferire al saccarosio, naturalmente presente in natura sia nelle barbabietole che nelle canne da zucchero, il colore più o meno scuro, non è un processo di lavorazione bensì la quantità di melassa presente. La differenza tra lo zucchero di canna più grezzo e quello integrale, più granulare e meno polveroso, non ha nulla a che vedere con il diciottesimo processo di lavorazione.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 6 Aprile 2017, 09:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA