Il pavimento? Si fa in resina. Boom del fatturato italiano

Il pavimento? Si fa in resina. Boom del fatturato italiano

In aumento quasi del 50% il fatturato italiano relativo a pavimenti e pareti in resina. Bellezza, praticità e resistenza i motivi principali del boom, come spiegano dalla torinese ErreLab

Resine, autolivellanti, micro-cementi: sono le cosiddette “superfici continue” la nuova grande moda diffusa tra le persone che scelgono di ristrutturare o di dare nuova vita alla propria casa. Un settore che dal 2012 al 2016 ha visto crescere il fatturato quasi del 50%, con una tendenza in costante crescita spinta dalla grande richiesta di una clientela sempre più soddisfatta e convinta di questi prodotti che uniscono valori estetici, praticità di posa e di utilizzo e una grande resistenza all’usura e agli inconvenienti domestici.

A mostrare l’eccezionale crescita economica di questo comparto è il “Primo studio congiunturale sui settori dei pavimenti industriali, rivestimenti in resina, massetti”, realizzato a cura del Centro Studi Federbeton. In occasione dell’ultima assemblea ordinaria dei soci Conpaviper (Associazione Italiana Sottofondi, Massetti e Pavimentazioni e Rivestimenti Continui), infatti, sono stati indicati i dati nazionali di vendita del comparto resine delle pavimentazioni, con numeri che testimoniano un interesse sempre maggiore delle persone nei confronti di questa tipologia di prodotto.

Anche a Torino e in Piemonte i pavimenti e le superfici verticali rivestite in resina riscontrano sempre più successo, come afferma Luigi Zuccarelli, responsabile commerciale di ErreLab, azienda torinese leader del settore e attiva in tutta Italia: «Da prodotto di nicchia, i pavimenti e le pareti in resina sono diventati negli ultimi anni una scelta di design sempre più apprezzata, sia nelle abitazioni sia nelle attività commerciali».

Il boom della resina: le motivazioni che spiegano la tendenza

Dietro a questa “moda”, le motivazioni che spingono le persone a scegliere di rivestire in resina pareti e pavimenti di casa sono di ordine sia pratico sia estetico, come spiegano ancora da ErreLab.

«I nostri posatori garantiscono un lavoro rapido e a regola d’arte, ma questo è solo uno dei motivi che hanno portato a superare le antiche diffidenze nei confronti di questi prodotti» spiega Zuccarelli «Che si tratti di case, negozi o uffici, le persone scelgono la resina perché combina la resistenza del materiale, la praticità di uso e lavaggio, ma soprattutto una elevata qualità dal punto di vista estetico». 

«L’esperienza maturata in decenni di lavoro, unita alla nostra propensione a sperimentare nuove formule e nuovi colori, ci permette di dire che chi oggi si affida ai prodotti ErreLab può contare su standard elevatissimi a livello di materiali, e su una possibilità di personalizzazione totale» aggiunge Zuccarelli.

Colori opachi o lucidi, integrazione o sovrapposizione con le piastrelle, effetti naturali e personalizzabili: la versatilità e la bellezza di pavimenti e pareti in resina vanno incontro infatti alle esigenze più disparate, soddisfacendo la creatività di tutti. Come dimostra anche l’ultimo prodotto di casa ErreLab, Pietra Continua: un “tributo alla natura” reso possibile dalla maestria artigiana dei professionisti ErreLab, azienda con sede a Druento che unisce l’esperienza ultradecennale dei suoi fondatori all’innovazione continua dei propri laboratori di ricerca e sviluppo.
Mercoledì 1 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME