Red Bull Basament, parte il progetto dedicato alle idee innovative degli studenti universitari

Red Bull Basament, parte il progetto dedicato alle idee innovative degli studenti universitari

Ritorna Red Bull Basement, il progetto di Red Bull che consente a studenti universitari provenienti dai 5 continenti di presentare idee innovative capaci di avere un impatto positivo per il futuro di tutti. Non ci sono limiti alla creatività: i progetti infatti possono proporre soluzioni che migliorino la vita nel campus di appartenenza oppure affrontare sfide più ampie, riguardanti le sorti di un'intera comunità. Inoltre, l’innovazione tecnologica può essere l’intera soluzione del problema ma anche una parte rilevante di una proposta più articolata. Per partecipare bisogna avere almeno 18 anni, essere studenti universitari, parlare bene inglese ed essere residenti in uno dei 36 paesi coinvolti. Si può partecipare da soli o formando una squadra con un altro studente.

 

 

APPLICATION (1 settembre – 25 ottobre)

 

Per candidarsi, gli studenti devono realizzare un video (massimo 60 secondi) per spiegare la propria idea e lo devono caricare su Red Bull Basement website.

 

MECCANISMO DI VOTO E SELEZIONE (26 ottobre –1 novembre)

 

Attraverso un voto pubblico sul sito ufficiale verranno selezionati i progetti migliori che avanzeranno alla fase di selezione, gestita da una panel di giudici locali. Solo il migliore per ogni paese arriverà in finale.

 

LA GIURIA

 

Saranno 3 i giudici che valuteranno i migliori progetti italiani. Il primo è Dario Grieco, Founder di Different Group. Laureato in Ingegneria Elettrica al Politecnico di Torino e Fondatore del progetto "different", è esperto di mobilità elettrica oltre che appassionato di innovazione tecnologica e digitale. Il secondo è Timothy O’Connell, H-Farm Senior Partner e Head of Global Business & Open Innovation. Un vero e proprio pioniere nella scena delle start-up europee, negli ultimi 10 anni ha gestito oltre 20 programmi di accelerazione internazionali in più settori. Nato negli USA ma attualmente residente nel Nord Italia, rappresenta, inoltre, l'Europa nel comitato consultivo del GAN (Global Accelerator Network) ed è uno dei partner fondatori dell'EAS (European Accelerator Summit). A loro si aggiungerà un terzo giudice che sarà annunciato nei prossimi giorni.

 

FASE DI SVILUPPO (2 novembre – 9 dicembre)

 

Durante questo periodo, tutti I finalisti avranno l'opportunità di sviluppare la propria idea con il supporto di tutor internazionali e avendo accesso a un network globale di innovatori.

WORKSHOP GLOBALE(10-13 DICEMBRE)

 

Il Workshop Globale è lo sprint finale di Red Bull Basement. Tutti i finalisti sono invitati a questo evento che rappresenta una celebrazione dell'innovazione guidata dagli studenti. Per quattro giorni i finalisti potranno partecipare a workshop e coinvolgenti sessioni di approfondimento con i leader più visionari del mondo dell'innovazione, con l'obiettivo di perfezionare le proprie idee. Nell'ultimo giorno ogni team presenterà la propria proposta alla giuria internazionale e verrà premiata la migliore idea del 2020 (“Best Idea of 2020”). I primi due Workshop globali sono stati ospitati In Germania, a Berlino, nel 2018 e in Canada, a Toronto, nel 2019. Il format di quest'anno verrà svelato presto su Red Bull Basement website.

 

PAESI PARTECIPANTI NEL 2020

Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Giappone, India, Irlanda, Italia, Kazakistan, Kenya, Lituania, Nuova Zelanda, Nigeria, Norvegia, Pakistan, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Slovacchia, Sud Africa, Spagna, Sri Lanka, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria, Usa.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Ottobre 2020, 13:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA