Scuola, Draghi corregge i suoi ministri: «Non si va in Dad con un solo positivo»
di Lorena Loiacono

Scuola, Draghi corregge i suoi ministri: «Non si va in Dad con un solo positivo»

Stop provvisorio a sorveglianza con testing: incidenza a 125 per 100.000 abitanti

In appena 24 ore, forse meno, la scuola fa dietrofront per due volte sulle regole anti-Covid. Lunedì sera il ministero alla Salute e il ministero all’Istruzione hanno sospeso con una circolare la procedura avviata a novembre, perché ci sono troppi contagi tra i ragazzi. Sembrava quindi inevitabile dover tornare alla dad per tutta la classe anche con un solo positivo tra i banchi. Poi, ieri sera, ci ripensano: si torna infatti alla quarantena solo in presenza di tre positivi. 
A far tornare la scuola sui suoi passi è stato un intervento di Palazzo Chigi che ha deciso di schierare il commissario Figliuolo al fianco delle Asl per portare avanti i tamponi necessari per gli studenti. 
 

Scuola, impennata di contagi e incidenza tra i bambini: così è nato il dietrofront su quarantena e Dad

Scuola, quando scatta la quarantena

E’ stato proprio questo il tasto dolente che ha messo in seria difficoltà le scuole e le procedure anti-covid. Il testing avviato il 3 novembre, infatti, prevede l’utilizzo di molti più tamponi, da fare peraltro tempestivamente. Lo screening parte (o almeno dovrebbe) alla prima segnalazione di un caso positivo: si fa il tampone immediato, T0, e poi quello al quinto giorno. Se i ragazzi sono tutti negativi, tornano in classe. Se invece emerge un altro positivo, quindi sono in tutto due, il testing prosegue solo per i ragazzi vaccinati, presenti solo tra i ragazzi dai 12 anni in poi, e per i negativizzati guariti dal Covid negli ultimi 6 mesi. Tutti gli altri vanno in quarantena. Se invece i positivi sono in tutto tre, la classe va in quarantena in blocco. U piano molto dettagliato che però non ha funzionato: nel mese scorso, infatti, la procedura è andata in tilt perché le Asl non avevano la disponibilità di mezzi e personale per seguire un simile tracciamento. Da qui la decisione da parte del ministero della Salute di sospendere il testing. 


PRESENZA PRIORITARIA
La circolare è stata firmata anche dal ministro all’istruzione, Patrizio Bianchi, «in via precauzionale». Ma per il premier Draghi, così come per il ministro Bianchi, fin dal primo giorno la scuola in presenza è una priorità e così l’intervento di Palazzo Chigi è stato immediato. In pochissime ore è arrivato il dietrofront: si torna al testing, non ci sarà nessuna sospensione nei tamponi immediati e la quarantena parte in automatico solo se ci sono tre alunni positivi. Proprio come avvenuto finora. E così è arrivata la seconda nota da parte dei ministeri Salute e Istruzione: «In considerazione della sopravvenuta disponibilità manifestata dalla struttura commissariale di Figliuolo, potrà essere mantenuto il programma di testing dei soggetti individuati come contatti di una classe o gruppo, da effettuarsi in tempi estremamente rapidi, tali da garantire il controllo dell’infezione». Una doppia giravolta, appunto, che non è piaciuta di certo al mondo della scuola, che si è ritrovato in balia di norme e regole che cambiano di ora in ora: «Troviamo sconcertante che una nota sottoscritta da due ministeri sia sospesa dopo neanche 24 ore – tuona Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi - e che le disposizioni contenute siano già considerate superate. Attendiamo di vedere come il commissario Figliuolo deciderà di intervenire per rendere finalmente efficienti le Asl e far partire la campagna di testing e tracing che dovrebbe garantire la scuola in presenza». Sulla parte organizzativa arrivano infatti diverse critiche, anche da parte dei sindacati: «Da tempo abbiamo chiesto di mettere in atto azioni che affiancassero i vaccini – osserva Pino Turi, Uil scuola - come la riduzione di alunni per classe, il distanziamento e i presidi sanitari nelle scuole. Ma nulla di tutto questo è ancora stato fatto».

Arriva anche in Parlamento la richiesta del medico in tutte le scuole: «Si tratta di una figura del passato - spiega il presidente di Noi con l’Italia e vicepresidente del gruppo Misto alla Camera Maurizio Lupi - che oggi diventa una necessità. Dobbiamo tutelare i nostri studenti, dai più piccoli ai più grandi».

 

Omicron, altri 5 positivi legati al paziente zero. Il sindaco di Caserta chiude la scuola

Il cambio di rotta

 

Covid, oltre una persona su quattro dei nuovi contagiati nell'ultimo mese ha meno di 15 anni

 

 

Covid, picco contagi e quarantene nelle scuole in Lombardia: classi in dad quasi triplicate in due settimane

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Dicembre 2021, 13:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA