Scuola, Iss: alunni positivi al Covid? Ecco come si dovrà procedere

Scuola, Iss: alunni positivi al Covid? Ecco come si dovrà procedere

I genitori dovranno misurare la febbre ai loro figli ogni mattina prima di portarli a scuola o fargli prendere lo scuolabus. Lo raccomanda l'Iss in vista dell'avvio dell'anno scolastico il 14 settembre nel rapporto «Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell'infanzia» messo a punto insieme a Ministero della Salute, Ministero dell'Istruzione, INAIL, Fondazione Bruno Kessler, Regione Veneto e Regione Emilia-Romagna. L'Iss sottolinea la necessità da parte degli istituti di monitorare con attenzione le assenze degli alunni poiché potrebbero rappresentare una spia della diffusione del virus.

CLICCA QUI per scaricare il documento in Pdf

LEGGI ANCHE «Scuola, si vota e si torna in classe», il governo smentisce il Cts: «Decidiamo noi, non i tecnici»

In caso di contagi di coronavirus sarà l'Asl a valutare la quarantena di una o più classi oltre a quella degli altri eventuali contatti del soggetto positivo che dovrà in ogni caso essere isolato e assistito in una area apposita. Le scuole, raccomanda l'Iss dovranno individuare un referente e tenere un registro dei contatti tra le varie classi. 

In caso di contagi a scuola «ad essere attivati saranno il referente scolastico, i genitori, il pediatra di libera scelta o il medico di medicina generale e il dipartimento di Prevenzione». Il presidente dell'Isituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro chiarisce: «In una prospettiva di possibile circolazione del virus a settembre e nei prossimi mesi, è stato necessario sviluppare una strategia nazionale di risposta a eventuali casi sospetti e confermati in ambito scolastico o che abbiano ripercussioni su di esso, per affrontare le riaperture con la massima sicurezza possibile e con piani definiti per garantire la continuità». E ancora: «Il documento, di taglio operativo, descrive le azioni da intraprendere nel caso un alunno o un operatore scolastico abbia dei sintomi compatibili con il Covid-19, sia a scuola che a casa».



Ecco cosa dice il documento: «Se un alunno manifesta la sintomatologia a scuola, le raccomandazioni prevedono che vada isolato in un'area apposita assistito da un adulto che indossi una mascherina chirurgica e che i genitori vengano immediatamente allertati ed attivati. Una volta riportato a casa, i genitori devono contattare il pediatra di libera scelta o medico di famiglia, che dopo avere valutato la situazione, deciderà se è necessario contattare il contattare il Dipartimento di prevenzione (DdP) per l'esecuzione del tampone». 
 

 
Ultimo aggiornamento: Sabato 22 Agosto 2020, 07:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA