Scuole chiuse, giusto riaprirle? Il virologo Silvestri: «Bimbi a basso rischio, il Cts legga i dati»

Scuole chiuse, giusto riaprirle? Il virologo Silvestri: «Bimbi a basso rischio, il Cts legga i dati»

Le scuole vanno tenute chiuse o sarebbe meglio riaprirle? Sulla questione, che tiene banco da qualche giorno - sebbene l'anno scolastico sarebbe comunque finito tra un paio di settimane - si è espresso anche il virologo Guido Silvestri, medico alla Emory University di Atlanta, nelle sue 'Pillole di ottimismo' sul suo profilo Facebook.

Leggi anche > Brusaferro (Iss): «Spostamenti tra regioni? Sarà una sfida. Abbiamo superato il picco»

«Partiamo col botto con le nostre Pillole 2.0, con questo articolo sui bambini al tempo di Covid della grande Sara Gandini, esperta di epidemiologia e statistica di valore mondiale (H-index 62, direttore di ricerca a Semm e Ieo). Spero davvero che lo leggano i colleghi del Cts italiano. Non solo, ma che lo leggano da veri scienziati, cioè con sincero desiderio di imparare dai dati», scrive lo scienziato italiano.

Leggi anche > Sardegna, Solinas insiste: «Chi ha sottovalutato pandemia non parli di discriminazione»

Dagli Usa, Silvestri prosegue la sua rubrica con l'aiuto di altri ricercatori. E oggi ospita l'intervento 'I bambini al tempo di Covid' firmato da Sara Gandini, di Semm (School of Molecular Medicine) e Ieo (Istituto europeo di oncologia) di Milano, che passando in rassegna gli studi sul tema fornisce «dati rassicuranti» sulla probabilità che i bambini hanno non solo di ammalarsi per Sars-CoV-2, ma anche di contagiare coetanei e adulti. Le evidenze suggerirebbero inoltre che la chiusura delle scuole produce uno scarso impatto sull'andamento dei contagi e in particolare delle morti. 

 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 29 Maggio 2020, 11:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA