Scuole chiuse, l'epidemiologo Lopalco: «Folle pensare di riaprire a maggio»

Scuole chiuse in Italia per il coronavirus: quando si riapre? «Pensare di riaprire le scuole il 4 maggio è una follia e fare un proclami in questo momento è sbagliato». Così all'Adnkronos Health l'epidemiolgo Pierluigi Lopalco , dell' università di Pisa e il presidente del Patto trasversale per la Scienza (Pts), commenta la proposta avanzata da Mattero Renzi sulla pagina de L'Avvenire', di riaprire le fabbriche prima di Pasqua e le scuole il 4 maggio.

«Dobbiamo essere cauti e osare illusioni se non abbiamo dati - rimarca Lopalco - oggi abbiamo solo una flebile speranza in Lombardia ma ad esempio a Milano la situazione non è ancora sotto controllo. Come facciamo a riaprire le scuole se non lo abbiamo certezze. Non diamo false aspettative e speranze».

 
 

LA POLEMICA

«Chiariamo, sono un medico e non potrei mai gioire della malattia di qualcuno. Ancora una volta il virus ha provato di non guardare in faccia a nessuno. Questo è il senso del mio tweet. Non dobbiamo sottovalutare il coronavirus ». Lo scrive su twitter Pierluigi Lopalco, l'epidemiologo e l'ordinario di igiene all'Università di Pisa e il consulente per l'emergenza sanitaria sul coronavirus della Regione Puglia, dopo le polemiche innescate dal suo precedente tweet. Commentando la positività del premier britannico Boris Johnson aveva scritto: «La fortuna è cieca ma il virus ci vede benissimo». Qualcuno ha chiesto di cancellare il messaggio e scusarsi, il professore allora è intervenuto con un secondo tweet «chiarificatore».

 
 

Ultimo aggiornamento: Sabato 28 Marzo 2020, 11:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA