Scuola, a settembre ancora in Dad. Sileri: «Difficile ricominciare in presenza, sarà graduale»

Scuola, a settembre ancora in Dad. Sileri: «Difficile ricominciare in presenza, sarà graduale»

Con la quarta ondata del Covid appena all'inizio, l'ipotesi di tornare subito a scuola in presenza è sempre più lontana e anche il dibattito sull'obbligo vaccinale per il personale scolastico divide il governo. Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite di Radio Capital, ha ammesso questa mattina che si potrebbero riprendere le lezioni ancora in Dad, almeno all'inizio: «Se sono preoccupato per settembre? È una grande sfida, bisogna capire quanti italiani saranno vaccinati in quel momento. I contagi non avvengono a scuola, ma sui mezzi pubblici: è difficile ricominciare in presenza a settembre, sarà un processo graduale», ha detto Sileri.

 

Leggi anche > Green pass per i viaggi in Italia e all'estero, tutto ciò che c'è da sapere

 

«Il Green pass per docenti non credo che si farà, per ora andiamo avanti con la vaccinazione», ha aggiunto. «Al momento l'obbligo vaccinale nei luoghi di lavoro non serve, ma è una misura che potrebbe essere considerata, condivisa ed eventualmente applicata in caso di mutato scenario epidemiologico ed in base all'andamento della campagna vaccinale, che al momento sta andando molto bene».

 

«No al Green pass in Parlamento, è luogo di lavoro»

 

Quanto all'obbligo di Green pass in Parlamento, Sileri spiega: «Non ho dubbi che gli onorevoli dovrebbero essere tutti vaccinati, ma il Parlamento è un luogo di lavoro, come tale non ha obbligo di green pass. Non metterei obbligo vaccinale nelle aziende». «Se dovessero salire i contagi a dismisura bisognerebbe pensare a strumenti che incentivino la vaccinazione, non l'obbligo». Sileri ha poi sottolineato che «Salvini non è un no vax, ha invitato alla prudenza. In questi tempi è facile ricadere in contenitori, bisogna stare invece attenti». Quanto alle discoteche, invece, «potrebbero riaprire in sicurezza, a capienza ridotta e con i giusti controlli».

 

«Il nuovo DPCM introduce un green pass 'alleggeritò, perché basta la prima dose per ottenerlo, e ufficializza la revisione dei parametri tarati sull'attuale scenario epidemiologico», afferma poi Sileri. «Il Green Pass - sottolinea - è un mezzo straordinario di prevenzione, anche ai fini della diagnostica. Il Green Pass si può ottenere, oltre che con la vaccinazione, anche dopo un test diagnostico e questo può aiutarti a rilevare i positivi». Per Sileri «ora dobbiamo difenderci mantenendo tutto aperto. In questo senso il Green Pass è un'arma per non tornare a vedere l'Italia a colori». 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Luglio 2021, 13:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA