Connessi per troppe ore: il Miur in prima linea per l’educazione digitale dei giovani

Connessi per troppe ore: il Miur in prima linea per l’educazione digitale dei giovani

Torna il Safer Internet Day (#SID2018), la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete istituita e promossa
dalla Commissione Europea, giunta alla sua XV edizione. Quest’anno il giorno prescelto è il 6 febbraio,
quando in contemporanea in oltre 100 nazioni di tutto il mondo si alterneranno iniziative per far riflettere
le ragazze e i ragazzi non solo sull’uso consapevole della Rete, ma anche sul ruolo attivo e responsabile
che ciascuna e ciascuno può giocare per una navigazione positiva e sicura. Una ‘missione’ che, come sempre, vede tra i principali protagonisti il ministero dell’Istruzione.

Il piano per la lotta al Cyberbullismo tra le priorità del Miur
“L’impegno del MIUR su questi temi va avanti da anni e si arricchisce sempre di nuove iniziative e
collaborazioni di grande valore e qualità – sottolinea la Ministra Valeria Fedeli - L’approvazione di una
legge per il contrasto del cyberbullismo è stata una svolta importante. Il Ministero sta lavorando da mesi
alla sua attuazione e proprio il 6 febbraio, nella stessa giornata in cui celebreremo il Safer Internet Day,
avvieremo i lavori del Tavolo tecnico inter-istituzionale, insediato presso la Presidenza del Consiglio dei
Ministri e coordinato dal MIUR, che elaborerà un Piano di azione integrato per il contrasto e la
prevenzione del cyberbullismo e realizzerà un sistema di raccolta di dati per monitorare l'evoluzione di
questi fenomeni”.

Sempre connessi: ecco il profilo online delle nuove generazioni
Come detto, al centro del Safer Internet Day ci saranno i più giovani, in particolare quelli tra i 13 e i 18 anni,
quelli che potenzialmente possono essere i più esposti ai pericoli della Rete. Non solo per una questione
anagrafica. Perché la loro vita è scandita dalla dimensione online. Secondo un’indagine di Generazioni
Connesse condotta da Skuola.net in collaborazione con l’Università di Firenze, proprio in occasione del
#SID2018, più di 2 giovani su 5 sono connessi almeno cinque ore al giorno (il 20,9% dichiara di esserlo
addirittura sempre). Un dato che, rispetto a due anni fa, è aumentato quasi del 10%.

Social Network: i più usati
I social network sono i ‘luoghi’ di ritrovo preferiti: il 33% degli intervistati è attivo quotidianamente su
almeno due piattaforme, il 24% su tre, il 10% su quattro, il 15% addirittura su cinque social
contemporaneamente. Con nuovi player che si fanno strada: Facebook crolla (ormai lo usa regolarmente
solo un quarto degli adolescenti, nel 2016 erano quasi 2 su 3 a esserci quotidianamente), mentre esplode
la Instagram mania (è presente su questo social l’82,7% degli under 18). Cresce anche Youtube (per il
66,5% delle e degli intervistati, in un biennio, ha guadagnato una decina di punti). Resiste WhatsApp: è il
social più utilizzato (circa il 90% dei teenager lo apre almeno una volta al giorno).
Torna ‘Un Nodo Blu’, la Giornata contro il bullismo e il cyberbullismo a scuola
Ma il 6 febbraio 2018 non significa solo Safer Internet Day. Nello stesso giorno, infatti, si celebrerà anche la
seconda Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo a scuola, dal titolo “Un Nodo Blu - le
scuole unite contro il bullismo”. Un’iniziativa che è stata lanciata per la prima volta lo scorso anno dal
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nell’ambito del Piano nazionale contro il bullismo. E,
visto il successo, si replica. Ecco dunque che le studentesse e gli studenti, gli istituti scolastici e i partner
che aderiscono all’iniziativa ancora una volta condivideranno e rilanceranno attraverso i loro canali di
comunicazione il “Nodo Blu”, simbolo della lotta nazionale delle scuole italiane contro il bullismo.

Il programma del Safer Internet Day 2018
In Italia, l’evento nazionale collegato al #SID2018 si terrà a Roma - presso il teatro Brancaccio, in via
Merulana - a partire dalle ore 10.30, alla presenza di circa 900 studentesse e studenti.  Sarà presente la
Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - Valeria Fedeli - affiancata dalla Garante
dell’Infanzia e dell’Adolescenza - Filomena Albano - dal Direttore del servizio di Polizia Postale e delle
Comunicazioni - Nunzia Ciardi - e dagli altri partner del Consorzio di ‘Generazioni Connesse’, il Safer
Internet Centre Italiano, cofinanziato dalla Commissione Europea e coordinato dal MIUR, in partenariato
con la Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, l’Università
degli Studi di Firenze, l’Università degli Studi di Roma “Sapienza”, Save the Children Italia Onlus, SOS Il
Telefono Azzurro Onlus, Cooperativa E.D.I., Movimento Difesa del Cittadino,  Skuola.net e Agenzia di
stampa Dire.

Il gruppo di lavoro di ‘Generazioni Connesse’
L’evento al teatro Brancaccio sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook del MIUR e
su www.generazioniconnesse.it. Si aprirà con un collegamento dall’Europarlamento di Strasburgo dove la
Commissaria all’Economia e alla Società digitale, Mariya Gabriel, incontrerà alcune delegazioni di
studentesse e studenti con i loro insegnanti per celebrare insieme il Safer Internet Day. Sarà inoltre
presentato il nuovo video, realizzato proprio in occasione del #SID2018, dei “Super Errori”, i cartoon della
campagna nazionale lanciata da Generazioni Connesse. Sette personaggi, uno per ogni rischio sulla Rete:
Chat Woman, l'Incredibile Url, l'Uomo Taggo, la Ragazza Visibile, Silver Selfie, Tempestata e Il Postatore
Nero.  A presentare la kermesse saranno i Panpers di Colorado Cafè. Durante l’evento, infine, la Ministra
Valeria Fedeli lancerà in anteprima lo spot sul bullismo realizzato in collaborazione con la RAI.
Youtuber e campioni dello sport per sensibilizzare i più giovani
Il 6 febbraio incontrerà le ragazze e i ragazzi anche Claudio Colica, giovane attore e youtuber, testimonial
della campagna “Be Aware. Be Digital”, promossa dal Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (Dis)
della Presidenza del Consiglio. Scopo della campagna è quello di promuovere l’utilizzo consapevole del
web e delle tecnologie, con particolare riferimento al tema della sicurezza dei dati che immettiamo in
Rete. Per questo il Dis si è mobilitato con un’importante iniziativa formativa che prevede, nei prossimi mesi,
la presentazione di tutorial e tool di edutainment per i nativi digitali. Sul palco del Brancaccio salirà
anche Marta Pagnini, capitano della Nazionale italiana di ginnastica ritmica e ambassador di “Campioni di
Fair Play”, un percorso ideato per diffondere i valori educativi dello sport, del fair play e della lotta al
bullismo/cyberbullismo.

Il #SID2018 nel resto d’Italia
Ma, aldilà dell’appuntamento principale, il #SID2018 si snoderà su tutto il territorio nazionale. Fitto il
programma delle iniziative. Ad esempio, Save the Children promuoverà a Firenze, presso l’Istituto degli
Innocenti, il secondo seminario formativo destinato a professionisti dell’infanzia, genitori e docenti. È
organizzato in collaborazione con l’Università di Firenze (per l’iscrizione occorre cliccare al seguente link e
andare alla voce “Registrati”: http://seminarisic.webiac.it/). Per restare connessi con tutti gli eventi del
Safer Internet Day 2018 basterà seguire i profili Facebook e Twitter di Generazioni Connesse attraverso gli
hashtag ufficiali #SID2018, #Saferinternetday e #SICitalia. La campagna ‘Un Nodo Blu’ sarà invece
accompagnata all’omonimo hashtag #UnNodoBlu anche sui profili social del Ministero (Miur Social)
Lunedì 5 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME