Maturità 2022, la prima prova: tutte le tracce. Da Pascoli a Verga, Liliana Segre e Giorgio Parisi

Tutte le tracce della prima prova scritta dell'esame di maturità 2022

Maturità 2022, la prima prova: tutte le tracce. Da Pascoli a Verga, Liliana Segre e Giorgio Parisi

Maturità 2022: al via gli esami con la prima prova scritta. Il Ministero ha inviato alle scuole il codice per l'apertura del plico telematico e le tracce sono appena state proposte agli studenti. Sono 539.678 gli studenti maturandi in tutta Italia.

Leggi anche > Maturità 2022, Polizia di Stato e Skuola.net contro le fake news sulle tracce della prima prova

 

Maturità 2022, la prima prova in diretta

Ore 12.00: non mancano alcune proteste studentesche per le tracce della prima prova scritta dell'esame di maturità 2022. «Bocciamo Bianchi, sulla maturità ora decidiamo noi!» recita lo striscione dell'azione di protesta svoltasi questa mattina da parte dell'Unione Degli Studenti, di fronte al ministero dell'Istruzione. «Nell'immaginare le linee guida dell'esame di quest'anno non si è tenuto conto delle difficoltà didattiche, dell'apprendimento ed emotive vissute degli ultimi anni dagli studenti, è un Esame privo di senso - denunciano gli studenti in una nota - Il ministro continua a non convocarci per prendere le decisioni, non solo rispetto alla maturità, ma noi siamo disposti a mobilitarci finché questo non avverrà». «Non riteniamo che il percorso degli studenti si possa valutare attraverso questa modalità di esame - continua Bianca Chiesa, dell'esecutivo nazionale dell'Unione Degli Studenti - Al contrario sosteniamo un approccio che garantisca al soggetto in formazione di apportare elementi di soggettività e pensiero critico al processo valutativo, valorizzando la multidisciplinarietà e il totale percorso di studi dello studente».

Ore 11.33: «I ragazzi sono emozionati e hanno vissuto questo momento in maniera particolare poichè vengono da un triennio in cui hanno avuto un lockdown, dad, didattica integrata e infine il ritorno fra i banchi», dice all'Adnkronos Paola Senesi, preside del liceo capitolino Giulio Cesare, prima dell'inizio delle prove d'esame. «Per loro è un momento conclusivo , certo hanno qualche timore nell'affrontare le prove scritte perchè è un pò una novità rispetto agli ultimi 2 anni. Siamo emozionati tutti, io stessa, perchè li abbiamo visti attraverso le loro fasi anche emotive crescere, fortificarsi e li abbiamo sempre sostenuti», continua la dirigente scolastica. «I dati, dopo questi due anni, rivelano in tutta Italia dei peggioramenti. Dobbiamo peró analizzarli bene, non è detto che tutto sia dovuto alla Dad. Bisogna capire sinergicamente quali sono gli elementi, sicuramente le difficoltà della Dad e di non poter seguire dal vivo ha contribuito, ma non è detto sia solo questo», conclude Senesi.

Ore 11.00: mentre gli studenti proseguono con la stesura della prima prova scritta, il mondo della scuola saluta con favore il ritorno in presenza con modalità d'esame analoghe a quelle pre-pandemia. «È una sensazione bellissima, rivedere i ragazzi qui nel corridoio. Rivedere i loro visi, ascoltare questo brusio di sottofondo ma anche le loro ansie ed arrivare a questo momento dopo due anni difficili. È emozionante per noi e per loro». Lo dice all'Adnkronos la docente di latino e greco del Liceo Giulio Cesare Sabrina Nardone nei corridoi della scuola capitolina mentre vengono distribuiti i fogli dove saranno svolte le tracce dell'esame di maturità. «Non è stato un anno facile a causa delle interruzioni ripetute a causa del covid che hanno interrotto diverse volte la didattica. Una delle cose più impegnative è stata portare a termine la didattica per preparare al meglio i ragazzi a questo esame», racconta Graziana Morigine, docente di latino, nel corso degli ultimo preparativi per la prima prova. «Anche i ragazzi hanno dovuto mettere in campo numerose energie e oggi siamo qui avendo la certezza di affrontare in maniera adeguata le prove che il ministero ci manda» prosegue la docente. «Ci auguriamo anche il prossimo anno in presenza con una scuola che torni alla normalità».

Ore 9.30: una delle tracce di testo argomentativo, Tipologia B, affronta il tema della musica e della sua importanza per l'essere umano, utilizzando un brano del medico e scrittore inglese Oliver Sacks, tratto dalla sua opera 'Musicofilià.

Ore 8.55: per la tipologia C, ci sono due tracce tra cui scegliere. La prima è «Tienilo acceso: posta commenta condividi senza spegnere il cervello»: un tema che riguarda l'iperconnessione: una riflessione a partire da un testo di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. La seconda, invece, è un tema che molti studenti si aspettavano: “Perché una Costituzione della Terra?” è un testo di Luigi Ferrajoli che parla della pandemia, del futuro della Terra e dell'impatto dell'uomo sul pianeta.

Ore 8.50: tra le tracce, compare anche un discorso del professor Giorgio Parisi, Premio Nobel per la Fisica 2021, alla Camera.

Ore 8.45: comprensione e analisi e interpretazione di una poesia delle Myricae di Giovanni Pascoli «La via ferrata». Il testo in prosa da analizzare è invece 'Nedda. Bozzetto siciliano' di Giovanni Verga. Per l'analisi di un testo argomentativo «La sola colpa di essere nati» di Gherardo Colombo e Liliana Segre: queste due delle tracce appena proposte ai ragazzi che stanno per sostenere la prova scritta di italiano per la maturità.

Ore 8.35: gli studenti maturandi stanno per ricevere le tracce. Sono sette in tutto, suddivise in tre diverse tipologie: analisi e interpretazione del testo letterario, analisi e produzione di un testo argomentativo, riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. I ragazzi hanno a disposizione 6 ore.

Ore 8.30: Il Ministero dell'Istruzione ha inviato alle scuole la chiave per il plico telematico: inizia ufficialmente l'esame di maturità 2022. Le tracce della prima prova vengono inviate alle scuole per via telematica. Ogni scuola ha nominato un referente del plico telematico; il referente del plico telematico è il docente che avrà la responsabilità di decriptare le tracce dell'unica prova ministeriale della maturità 2022.

Maturità, le tre tipologie della prima prova scritta

Per la prima volta dopo due anni consecutivi, l'esame di maturità torna con le due prove scritte. Negli ultimi due anni scolastici, a causa della pandemia, si era scelto di far preparare un maxi-esame orale ai maturandi. La prova scritta è suddivisa in tre tipologie a scelta degli studenti:
A) traccia dell'analisi del testo: due possibili analisi, su un brano di prosa o poesia di un autore italiano vissuto nel periodo tra l'Unità d'Italia e oggi.
B) testo argomentativo: tre tracce a scelta di diversi ambiti (artistico, letterario, filosofico, storico, economico, sociale, tecnologico, scientifico). Una delle tracce di tipo argomentativo sarà però obbligatoriamente di ambito storico. I maturandi potranno scegliere sia l'argomento di cui parlare, sia il modo di svilupparlo.
C) tema d'attualità o di ordine generale: il grande classico degli esami di maturità, che quest'anno fornirà due tracce inerenti a temi vicini alle esperienze degli studenti maturandi.

Maturità, le regole per calcolare il voto

Ogni prova scritta dell'esame di maturità prevede un voto in ventesimi, per un totale massimo di 40. All'orale la commissione può assegnare fino ad un massimo di 20 punti, a cui vanno aggiunti i crediti scolastici (massimo 40) ottenuti nel triennio e 5 punti bonus che la commissione può scegliere di assegnare ai candidati.

Maturità, le date degli esami

Oggi, mercoledì 22 giugno 2022, è la data della prima prova scritta dell'esame di maturità. Giovedì 23 giugno sarà invece la data della seconda prova scritta, prima dell'inizio degli orali, lunedì o martedì prossimo.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Giugno 2022, 16:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA