Segnale radio da un'altra galassia, ecco perché si tratta di una scoperta storica

Segnale radio da un'altra galassia, ecco perché si tratta di una scoperta storica

Un segnale radio proveniente da un'altra galassia nello spazio profondo e captato è un fenomeno piuttosto comune e noto come lampo radio veloce o fast radio burst (FRB). Possono essere osservati molto spesso, ma finora si erano manifestati come singoli episodi o ripetuti, ma con frequenze irregolari.

Leggi anche > Spazio, riuscito il lancio di Solar Orbiter: in viaggio verso il Sole con strumentazione italiana



Gli astronomi della Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME), però, hanno comunicato oggi di aver compiuto una scoperta storica, senza precedenti: per la prima volta, infatti, è stato descritto uno schema ripetitivo nelle sequenze di FRB, con un periodo regolare di 16,35 giorni, provenienti da una singola sorgente in una galassia a mezzo miliardo di anni luce da qui. Le osservazioni sono state compiute tra il 16 settembre 2018 e il 30 ottobre 2019 e hanno permesso di stabilire una periodica ripetizione di uno o due impulsi radio ogni ora nell'arco di 4 giorni, seguiti un periodo di silenzio di 12 giorni.

Il segnale, scoperto dal team lo scorso anno insieme ad altri otto segnali, è il FRB 180916.J0158+65. Come si spiega nello studio, pubblicato su Science Alert, gli scienziati ora sperano di scoprire da cosa siano generati questi misteriosi segnali radio. Tra le ipotesi troviamo l'interazione della sorgente con un altro oggetto in un sistema binario, il cui moto orbitale spiegherebbe il periodo di 16 giorni, ma anche una possibile interazione tra una stella di neutroni e una più giovane, calda e massiccia, di tipo O/B.

Lo studio sull'origine dei FRB è considerato importante per migliorare la conoscenza dell'Universo: maggiore è il numero di impulsi tracciati, più accurata può essere la mappatura della distribuzione della materia nello spazio, anche a grandissime distanze dalla nostra galassia.
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Febbraio 2020, 21:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA