Domenica In, Bassetti sul covid: «No al lockdown per gli anziani, ma orari differenziati»

Video

Matteo Bassetti, direttore della clinica di malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente della task force Covid-19 della Liguria, ha parlato dell'andamento dell'epidemia covid in Italia a Domenica In. L'infettivologo, intervistato da Mara Venier, ha dichiarato: «Abbiamo moltissimi contagi e, pur avendo solo una parte di questi dei sintomi, il sistema sanitario è sotto pressione in molte città. Rispetto alla prima ondata siamo più bravi, intercettiamo i casi molto prima. La degenza media è più breve di quello che avveniva a marzo».

 

Dpcm in arrivo: limitazioni ulteriori per gli anziani, l'ipotesi allo studio

 

 

 

«Dobbiamo proteggere gli ultra-settantenni»

«In una situazione del genere bisogna fare qualcosa per vietare che i contagi crescano ancora», ha detto Bassetti. La sua proposta è la seguente: «Io credo che abbiamo una fascia della popolazione, gli ultra-settantenni, che sono le persone da mettere in sicurezza. Si potrebbe pensare a una differenziazione degli orari, la mattina presto ai lavoratori e dopo gli anziani. La chiusura delle scuole, almeno asili ed elementari, è da evitare perché poi i bambini stanno con i nonni».

 

«Il virus è rientrato in Italia con le vacanze»

Mara Venier ha chiesto al professor Bassetti come abbia fatto il virus a tornare in maniera così prepotente in circolazione: «Il virus questa estate è rientrato in Italia con le vacanze. Si è abbassata la guardia e con la ripresa con le attività il virus ha ripreso a circolare in maniera importante. Le misure che sono state prese nelle città, come Genova, speriamo possano aiutare».

 

«Tampone offre un'istantanea, va usato con sapienza»

E sui tamponi Bassetti ha spiegato: «Il tampone offre un'istantanea, ti dice quello che succede oggi, ma non quello che succede domani. Questo è quello che è accaduto in Genoa-Napoli. Il tampone deve essere usato con sapienza, non è un lasciapassare, come non deve essere uno stigma».


Ultimo aggiornamento: Domenica 1 Novembre 2020, 19:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA