Coronavirus: solo il 3% dei neonati contagiato da mamme positive, ma aumenta il rischio di nascite premature

Coronavirus: solo il 3% dei neonati contagiato da mamme positive, ma aumenta il rischio di nascite premature

Coronavirus, solo il 3% dei bambini nati da mamme positive risultano contagiati. Ma c'è un dato allarmante: il contagio in gravidanza aumenta del doppio il rischio di nascite premature. Lo rivela uno studio basato sui dati del Registro Nazionale della Società Italiana di Neonatologia (Sin), che verranno presentati al 26/mo congresso della società scientifica, in programma dal 7 al 10 ottobre.

Leggi anche > Coronavirus, la novità di Google Maps: informazioni sui contagi disponibili sulla mappa

Durante la pandemia, circa 2 bambini su 10 sono nati prematuramente da donne contagiate dal Sars-CoV-2. Lo spiega anche Fabio Mosca, presidente della Sin, all'Ansa: «All'inizio dell'emergenza abbiamo attivato un registro con i dati delle donne incinte e contagiate del virus. Fino ad oggi solo sei bambini su 215 nati da madri italiane positive hanno avuto la trasmissione del virus, pari al 2,8%. Inoltre, l'allattamento al seno, nella maggioranza dei casi, è proseguito nei mesi successivi. Dei sei neonati, uno era nato già positivo e tutti hanno avuto un decorso asintomatico o paucisintomatico: nessuno di loro è stato ricoverato in terapia intensiva».

Fabio Mosca difende anche i consigli dati all'inizio della pandemia sul proseguimento dell'allattamento al seno. «La nostra decisione contrastava con quanto veniva suggerito dalla Cina, ma il tempo ci ha dato ragione. I dati confermano che l'infezione è nei neonati poco frequente e benigna: quindi, se la donna ha pochi sintomi, è preferibile non separarla dal figlio, per la salute fisica e psicologica di entrambi» - spiega il presidente della Società Italiana di Neonatologia - «C'è però un fattore notevole di rischio: le mamme contagiate dal coronavirus hanno avuto un tasso di nascite pretermine del 19,7%, più del doppio della media, pari a circa al 9%. Il virus ha effetti diretti e indiretti nell'indurre un parto. Nel 24% dei casi è stato effettuato un cesareo di elezione mentre nel 15% un cesareo d'urgenza. È importante, su questo, mantenere alta l'attenzione».


Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Ottobre 2020, 17:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA