Ceneri sulla luna, il piano di sepoltura (da 12mila euro) di un prof: «Così gli alieni possono creare un esercito di cloni»

Dopo la sua morte, Ken Ohm avrebbe già pianificato di lanciare i propri resti nello spazio

Ceneri sulla luna, il piano di sepoltura (da 12mila euro) di un prof: «Così gli alieni possono creare un esercito di cloni»

Si sa, con la vecchiaia aumentano i pensieri su funerali e sepolture. Pensieri che nel caso di Ken Ohm, professore di fisica americano, sono stati però molto insoliti. O perlomento, molto fantascientifici. Il motivo? L'uomo avrebbe deciso di non farsi seppellire per terra o in un loculo, ma di mandare il proprio DNA sulla luna dopo la sua morte, nella speranza che gli alieni possano creare un esercito di suoi cloni.

Spazio, galassie sconosciute e nebulose lontanissime: l'universo mai visto nelle immagini del telescopio Euclid

L'idea

Un'idea insolita e sicuramente fantasiosa quella di Ken Ohm, professore di fisica 86enne residente in Kansas. Appassionato di spazio, dopo la sua morte l'uomo vorrebbe infatti mandare il suo DNA sulla luna nella speranza che gli alieni possano creare un esercito di suoi cloni. Per farlo, il professore avrebbe assunto «Celestis», una società con sede in Texas, per lanciare così i suoi resti verso il polo sud della superficie lunare. Intervistato dal New York Times, l'uomo avrebbe detto di aver preso in considerazione anche l'idea che gli alieni lo ricreassero per uno "zoo intergalattico". Quando Ohm verrà lanciato nello spazio, la sua famiglia e i suoi amici saranno invitati a sedersi per guardare il razzo decollare con il suo DNA custodito al suo interno.

Celestis, cosa fa

La società, chiamata Celestis, è specializzata nel lancio di resti nello spazio. Sono più di 35 le nazioni del mondo che possono vantare di aver lanciato i resti dei propri cittadini grazie alla compagnia americana. Tra questi, anche James "Scotty" Doohan, che interpretava il tenente comandante Montgomery Scott nella serie televisiva e cinematografica Star Trek.

Ovviamente, le opzioni offerte dalla società per le sepolture spaziali sono diverse: dal lancio delle ceneri nello spazio, all'invio in orbita, sulla luna o nello spazio profondo, ognuna di esse ha ovviamente un prezzo a sé. Un memoriale di Earth Rise parte infatti da 2.495 dollari, mentre un memoriale di Earth Orbit ne costa 5.000. Prezzi che salgono però nel caso di sepolture vere e proprie sulla Luna e nello spazio profondo, che si aggirano sui 12.500 euro. Collocate a bordo di un razzo UP Aerospace SpaceLoft XL, le capsule contenenti i resti cremati vengono mandate nello spazio grazie alle missioni sponsorizzate dal Programma Spaceflight Opportunities della NASA, che conduce esperimenti di microgravità e dimostrazioni tecnologiche.

I precedenti

Le prime ceneri ad essere mandate sulla luna furono quelle del famoso geologo planetario Eugene Shoemaker, nel 1999. Shoemaker sperava di diventare un astronauta dell'Apollo, ma a causa di alcuni problemi di salute non ci riuscì. Il sogno della sua vita si realizzò però dopo la sua morte: dopo un incidente automobilistico mortale nel 1997, i resti del geologo furono infatti spediti sulla Luna grazie all'idea di Carolyn C. Porco, scienziata planetaria dell'Università dell'Arizona a Tucson: «Sentivo che questa era l'ultima possibilità per Gene di arrivare sulla luna e che sarebbe stato un giusto e bellissimo tributo a un uomo che era una figura imponente e un pioniere nell'esplorazione del sistema solare». Oltre a lui, sono circa 670 le persone che hanno lanciato le proprie ceneri o quelle dei propri cari nello spazio tramite voli ufficiali della Nasa o di società di sepoltura spaziale come Elysium Space e Celestis. Alcuni di loro sono stati dispersi nell'orbita terrestre, mentre altri sono stati inviati sulla Luna o nello spazio profondo. 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Novembre 2023, 20:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA