Agenzia delle Entrate, la notifica ha un indirizzo sbagliato: l'imprenditore Massimo D'Alessio non pagherà 14 milioni di tasse

Giovedì 22 Febbraio 2024, 09:08 - Ultimo aggiornamento: 14:34

Prenestina e non Cassia: la differenza in una "elle"

A decidere il tutto, quindi, è stata una lettera appunto, la L. Le nove cartelle sono state notificate in via Renato Birolli 52, sulla Prenestina, a Roma, dove ci solo stabilimenti industriali, mentre il domicilio dove Massimo D'Alessi avrebbe dovuto ricevere gli atti è, in realtà, via Carlo Porzio Biroli 52, dove si trova un residence abitato in prevalenza da stranieri, sulla Cassia. In ogni modo, leggendo il nome degli indirizzi, a fare la differenza è stata quindi una «L» di troppo, che ha trasformato «Biroli» in «Birolli», malgrado il nome di battesimo diverso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA