Variante inglese nei bambini, lo studio dell'Istituto Superiore di Sanità: «Non li colpisce di più»

Variante inglese nei bambini, lo studio dell'Istituto Superiore di Sanità: «Non li colpisce di più»

Nuovi dettagli sulle varianti del coronavirus. Quella inglese nello specifico non sembra colpire particolarmente i bambini, mentre per le altre varianti non ci sono ancora dati sufficienti per formulare ipotesi. Lo evidenziano i ricercatori dell'Istituto superiore di sanità, rispondendo alle domande più diffuse sulle varianti di Sars-Cov-2, che tanto destano preoccupazione.

 

Leggi anche > Coronavirus in Italia, il bollettino di martedì 9 febbraio: i dati alle 17. In aumento i morti in Puglia

 

«Fino a questo momento - si legge in una sezione del sito dedicata alle Faq su questo tema - le varianti più preoccupanti non sembrano causare sintomi più gravi in nessuna fascia di età. La malattia si presenta con le stesse caratteristiche e i sintomi sono gli stessi di tutte le altre varianti del virus. In termini di trasmissibilità la variante 'inglese' manifesta un aumento per tutte le fasce di età, compresi i bambini. Ci sono ancora molti studi in corso, ma al momento non sembra che la variante inglese abbia come target specifico i bambini, non li infetta in maniera particolare rispetto agli altri. Per quanto riguarda le altre varianti i dati non sono ancora sufficienti a formulare ipotesi», chiarisce l'Iss.


Ultimo aggiornamento: Martedì 9 Febbraio 2021, 20:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA