Il vaccino Johnson & Johnson riesaminato dall'EMA per possibili legami con i coaguli di sangue

Johnson & Johnson, vaccino riesaminato dall'EMA per possibili legami con i coaguli di sangue

L'EMA, Agenzia europea per i medicinali, ha reso noto di aver avviato uno studio per verificare l’eventuale formazione di coaguli di sangue a seguito della somministrazione del vaccino Johnson & Johnson contro il Covid – 19.

 

Leggi anche > Covid, cinque Regioni tornano in arancione, Sardegna in zona rossa.

 

 

 

Secondo quanto riferito da Bloomberg, come riporta “Telegraph.com”, sarebbero quattro i casi gravi, di cui uno fatale, emersi dopo la vaccinazione che hanno presentato coaguli di sangue accompagnati da un basso numero di piastrine. Uno dei casi  si è verificato durante uno studio clinico, ma a quel tempo la società ha opposto che non ci fossero prove che lo collegassero al farmaco. Gli altri tre si sono avvvenuti negli Stati Uniti, dove il composto è stato inoculato a quasi 5 milioni di persone.

Sebbene il farmaco prodotto dalla Johnson & Johnson abbia già ricevuto l’approvazione nell'UE, che fa affidamento sul vaccino a iniezione singola per potenziare il suo programma di immunizzazione dal Covid-19, il suo lancio non dovrebbe iniziare fino alla fine di questo mese.


Ultimo aggiornamento: Sabato 10 Aprile 2021, 10:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA