Vaccino, paziente si ammala dopo somministrazione: Johnson&Johnson sospende la sperimentazione

Covid vaccino, paziente si ammala dopo somministrazione: Johnson&Johnson sospende la sperimentazione

La sperimentazione del vaccino anti-Covid a cui sta lavorando la Johnson&Johnson è stata sospesa dopo che uno dei partecipanti allo studio si è ammalato senza che gli esperti siano finora riusciti a trovare le cause. La pausa - riportano alcuni media americani - è stata comunicata a tutti i ricercatori che si occupano dei circa 60.000 pazienti sottoposti alla sperimentazione.

 

Leggi anche > Covid, si ammala due volte in un mese: la seconda è più grave. Ma quanto dura l'immunità?

Gli eventi avversi - malattie, incidenti - anche quelli gravi, "sono una parte prevista di qualsiasi studio clinico, in particolare studi di grandi dimensioni", sottolinea l'azienda in una nota. "Sulla base del nostro forte impegno per la sicurezza, tutti gli studi clinici condotti dalle società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson hanno linee guida prespecificate. Queste assicurano che i nostri studi possano essere sospesi se viene segnalato un evento avverso grave inaspettato (Sae) che potrebbe essere correlato a un vaccino o al farmaco in studio, quindi può esserci un'attenta revisione di tutte le informazioni mediche prima di decidere se riavviare lo studio".

Leggi anche > Covid, gli italiani non si fidano del vaccino: «Uno su due è contrario o dubbioso»

"Dobbiamo rispettare la privacy" di questo volontario. "Stiamo imparando di più sulla malattia che lo ha colpito ed è importante conoscere tutti i fatti prima di condividere ulteriori informazioni", precisa ancora l'azienda. "Gli eventi avversi gravi non sono rari negli studi clinici e ci si può ragionevolmente aspettare che il numero di eventi avversi aumenti negli studi che coinvolgono un gran numero di partecipanti. Inoltre, poiché molti studi sono controllati con placebo, non è sempre immediatamente evidente se un partecipante ha ricevuto un trattamento in studio o un placebo", conclude la nota.

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Ottobre 2020, 16:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA