Vaccino anti-Covid, in Italia si rischiano ritardi per colpa delle siringhe scelte da Arcuri

Video

La distribuzione e la somministrazione delle prime dosi di vaccino anti-Covid, in Italia, potrebbero subire un clamoroso ritardo. Il problema, in questo senso, non è tanto il trasporto e la conservazione del vaccino, che non sono proprio agevoli, bensì riguarda le siringhe scelte dal commissario straordinario Domenico Arcuri per conto del Governo italiano.

 

Leggi anche > Coronavirus, il bollettino di giovedì 3 dicembre: 23.225 casi e 993 morti. È il dato più alto dall'inizio della pandemia

 

A Tagadà, su La7, la conduttrice Tiziana Panella si è messa infatti in contatto con Antonio Masseroni, responsabile dell'azienda Pentaferte, di Campli (Teramo), che produce le siringhe con cui sarà iniettato il vaccino contro il Sars-CoV-2. In pratica, Domenico Arcuri, a differenza di quanto fatto dal Governo francese, ha scelto un prodotto migliore e più specifico, che però non sarà disponibile prima di circa tre mesi.

 

«Noi produciamo diversi tipi di siringhe per i vaccini. La Francia ci ha chiesto già a settembre delle siringhe standard che si collegano all'ago tramite pressione e siamo in piena produzione per l'ordine del Ministero della Salute francese» - ha spiegato Antonio Masseroni - «L'Italia ci ha chiesto 157 milioni di siringhe che invece si avvitano, di un tipo indubbiamente più performante ma anche più costoso, meno reperibile e inusuale per la somministrazione dei vaccini. L'ordine è partito da poco, non potremo avviare la produzione prima di due-tre mesi».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 3 Dicembre 2020, 21:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA