Vaccini antinfluenzali somministrati in farmacia: approvato protocollo

Vaccini antinfluenzali somministrati in farmacia: approvato protocollo

Donini: «Una vera rivoluzione che va nella direzione delle farmacie dei servizi»

Il vaccino anti influenzale potrà essere somministrato in farmacia. Il via libera è arrivato oggi in Conferenza Stato-Regioni dove è stato approvato un protocollo firmato con Federfarma-Assofarm per la somministrazione da parte dei farmacisti dei sieri antinfluenzali. I cittadini che non hanno patologie potranno acquistare il vaccino in farmacia e farselo somministrare sul posto. Per le categorie più fragili il vaccino antinfluenzale è già assicurato in forma gratuita. Un passo in più quello di oggi verso il modello delle «farmacie dei servizi».

 

Leggi anche > Bigliettini, anelli e collanine: task force della Ausl di Piacenza per restituire gli oggetti delle vittime di covid

 

«Si tratta di una proposta valutata positivamente dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome» hanno spiegato il Presidente del Molise, Donato Toma (che oggi ha presieduto la Conferenza delle Regioni) e da Raffaele Donini, coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e Assessore dell'Emilia-Romagna. «Per il nostro Paese - aggiunge Donini - si tratta di una vera e propria rivoluzione, fortemente voluta dalle Regioni e discussa in sede di Commissione Salute, che va nella direzione delle cosiddette «farmacie dei servizi», luoghi che saranno sempre più in grado di fornire ai cittadini vere e proprie prestazioni sanitarie. Un tassello in più per la composizione di una nuova sanità del territorio, di prossimità, obiettivo a cui tendiamo con tutte le nostre energie e che lo stesso PNRR mette a fuoco come risultato atteso»

 

«L'approvazione in Conferenza Stato-Regioni del protocollo siglato dalle rappresentanze delle farmacie per la somministrazione dei vaccini antinfluenzali da parte dei farmacisti è il raggiungimento di un importante traguardo che li accomuna ai colleghi di Francia, Gran Bretagna, Irlanda e di altri paesi» commenta Fofi, Federazione ordini farmacisti Italiani. «Siamo di fronte a un ulteriore riconoscimento della professionalità dei farmacisti italiani e del loro impegno tanto nell'assistenza ai cittadini quanto nell'evoluzione del loro ruolo professionale - aggiungono - Con la partecipazione alla campagna antinfluenzale si aggiunge un altro tassello al modello della 'farmacia dei servizi' promosso dalla Fofi fin dal 2006 e l'Italia compie un altro passo avanti nel potenziamento della prossimità delle cure la cui importanza è emersa drammaticamente nel corso della pandemia».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Ottobre 2021, 17:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA