«Ha un tumore maligno»: medici le asportano lo stomaco, ma non era vero. Due chirurghi a processo

Tumore maligno, medici le asportano lo stomaco ma la diagnosi era sbagliata: due chirurghi a processo

Le dicono che ha un tumore maligno e le tolgono lo stomaco per errore, due chirurghi a processo. 

Le è stato asportato lo stomaco «per errore», dopo una «diagnosi di tumore maligno» che si è rivelata «totalmente sbagliata». È accaduto nel 2016 ad una 53enne e per quell'operazione non necessaria, secondo la Procura di Monza, che le ha provocato una «malattia certamente o probabilmente insanabile», la perdita di un organo, sono finiti a processo 2 chirurghi dell'Irccs Multimedica di Sesto San Giovanni.

La donna è parte civile, assistita dall'avvocato Francesco Cioppa.

Leggi anche > Meningite, morta una ragazza di 23 anni a Sassari. Il dramma in poche ore
Leggi anche > Tumori non melanocitari, la Giornata di Prevenzione all'Idi di Roma
Venerdì 13 Settembre 2019, 10:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA