La sonnolenza diurna legata al rischio di ammalarsi di Alzheimer

La sonnolenza diurna legata al rischio di ammalarsi di Alzheimer

  • 108
    share
Avvertire sonnolenza diurna potrebbe essere associato al rischio di ammalarsi di Alzheimer: infatti chi di giorno si sente assonnato negli anni a venire ha un rischio triplo di presentare nel proprio cervello depositi di proteine tossiche tipiche della malattia, ovvero le placche di beta-amiloide. Lo rivela una ricerca appena pubblicata sulla rivista Sleep, che vede tra gli autori anche l'italiano Luigi Ferrucci del National Institute on Aging statunitense.

Lo studio arriva a conferma di una mole di dati sempre più vasta che collegano la demenza ai disturbi del sonno e si basa su un'indagine epidemiologica su un gruppo di volontari seguiti per parecchi anni. All'inizio dello studio il campione ha compilato questionari sulla qualità del sonno, sulla sonnolenza diurna, comprese informazioni sull'abitudine di fare un riposino durante il giorno. Parte del campione è stata sottoposta molti anni dopo (anche 16 anni dopo) a una serie di esami di imaging come la Pet per visualizzare l'eventuale presenza della proteina tossica beta-amiloide nel cervello. Ebbene è emerso che chi nei questionari aveva dichiarato di soffrire di sonnolenza diurna aveva un rischio triplo di presentare depositi di beta-amiloide nel cervello.

Restano tutte da capire le dinamiche di questa connessione: è possibile che la beta-amiloide si accumuli in seguito a disturbi del sonno e che siano questi disturbi a causare la sonnolenza diurna. O al contrario è possibile che gli accumuli stessi di beta-amiloide favoriscano i disturbi del sonno e/o la sonnolenza diurna. Ad ogni modo, se si scoprisse che i disturbi del sonno contribuiscono all'Alzheimer, ha spiegato l'autore principale dello studio Adam Spira,
«potremmo adoperarci per trattare i pazienti con problemi di insonnia per evitare questa malattia così grave».
Domenica 9 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 22:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME