I consigli del dottor Francesco Madonna Terracina: «Seno naturale con la mastoplastica»

I consigli del dottor Francesco Madonna Terracina: «Seno naturale con la mastoplastica»

Il seno è una delle massime espressioni di femminilità; piccolo e poco sviluppato o al contrario troppo grande o cadente sono davvero numerose le donne di ogni fascia di età che desiderano migliorarlo ricorrendo alla chirurgia estetica per potersi sentire,anche dal punto di vista psicologico,meglio con il proprio corpo.

Solo per quanto riguarda la tecnica di aumento,la mastoplastica additiva,sono oltre 50.000 gli interventi chirurgici effettuati in Italia ogni anno a testimonianza di un grado di soddisfazione altissimo ed un livello di sicurezza al top anche in termini di materiali utilizzati.

 

 


Ma chi è il prototipo della donna che desidera sottoporsi ad un intervento migliorativo al seno? Lo chiediamo al Dott. Francesco Madonna Terracina, chirurgo estetico a Roma.

«Possiamo distinguere il caso della donna giovane che da sempre nutre il desiderio di aumentare un seno poco sviluppato o viceversa ridurne uno eccessivamente grande.
Altra situazione frequente riguarda invece soggetti in età più matura che talvolta a causa di modificazioni subite per gravidanze o importanti variazioni di peso hanno semplicemente il desiderio di “riavere indietro” il seno originario».


Quale è la procedura maggiormente effettuata?
«Indubbiamente la mastoplastica additiva che è tra l’altro l’Intervento statisticamente più eseguito in chirurgia estetica in Italia e nel mondo. Vengono oramai da anni impiegati delle protesi che sono perfettamente tollerate dal nostro corpo e che donano un aspetto estremamente naturale al nuovo seno. Il livello di sicurezza di questa procedura è ai massimi così come il grado di soddisfazione delle pazienti».


Una protesi al seno è per sempre?
«I notevoli progressi della scienza hanno perfezionato i materiali impiegati.
Ad oggi si può affermare che le protesi non hanno “una scadenza” ed in moltissimi casi possono essere mantenute per sempre senza necessità di effettuare alcuna sostituzione».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Febbraio 2021, 18:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA