Plasma iperimmune, l'Iss e l'Aifa valutano l'efficacia della terapia

Plasma iperimmune, l'Iss e l'Aifa valutano l'efficacia della terapia

Istituto Superiore di Sanità e Agenzia italiana del farmaco, insieme, sono impegnati nello sviluppo di uno studio nazionale comparativo e controllato per valutare l'efficacia e il ruolo del plasma ottenuto da pazienti guariti da Covid-19 con metodica unica e standardizzata. Il plasma dei soggetti guariti viene impiegato per trattare, nell'ambito di questo studio prospettico, rileva l'Aifa, malati affetti da forme severe di Covid-19.

Leggi anche > Plasma iperimmune, curare i malati con il sangue dei guariti: come funzione a quali ospedali portano avanti la sperimentazione

Leggi anche > De Donno "scomparso" e il plasma autoimmune. L'ospedale chiarisce: «Non è cura miracolosa, vittime anche da noi»

Allo studio partecipano diversi centri, a cominciare da quelli che sin dall'inizio di marzo ne stanno già valutando a livello locale l'efficacia. Questo progetto consentirà di ottenere evidenze scientifiche solide sul ruolo che può giocare l'infusione di anticorpi in grado di bloccare l'effetto del virus e che sono presenti nel plasma di soggetti guariti dall'infezione da nuovo Coronavirus.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 7 Maggio 2020, 21:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA