Il ritorno della peste bubbonica: terzo caso in una settimana, 28 persone messe in quarantena
di Domenico Zurlo

Peste bubbonica dalla Cina, terzo caso in una settimana: 28 persone messe in quarantena

Peste bubbonica, ora è allarme: ad un uomo di 55 anni è stata diagnosticata la peste dopo aver ucciso e mangiato un coniglio selvatico, e il suo caso è il terzo nel Paese in una sola settimana, dopo i primi due scoperti a Pechino. 28 persone sono state messe in quarantena, secondo quanto comunicato dalle autorità sanitarie. L'uomo è stato curato in ospedale nella città di Huade.

Leggi anche > Meningite, ragazza di 27 anni muore nel giro di poche ore

Il paziente, originario della Mongolia, ha mangiato il coniglio lo scorso 5 novembre: 28 persone che avevano avuto stretti contatti con lui sono sotto osservazione ma nessuna ha mostrato i sintomi della peste bubbonica, secondo la nota delle autorità, scrive il quotidiano Independent. Lo scorso 12 novembre a Pechino erano stati diagnosticati due casi di peste polmonare, non collegati tra loro: la peste polmonare è però più grave di quella bubbonica.

La variante polmonare appunto, cioè il tipo di peste che fu principalmente responsabile dell'epidemia del 1300, può essere fatale fino al 90% delle persone infette se non ricevono cure, il che comporta principalmente l'assunzione di diversi tipi di antibiotici. Sebbene la Cina abbia ampiamente sradicato la peste, sono ancora riportati casi occasionali, spesso tra i cacciatori che entrano in contatto con le pulci che trasportano il batterio. L'ultima grande epidemia nota della malattia risale al 2009, quando diverse persone morirono nella provincia del Qinghai, nella Cina nord-occidentale.

Martedì 19 Novembre 2019, 15:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA