Variante Omicron, l'esperto: «È esplosiva, serve l'obbligo vaccinale»

L'immunologo, membro del Comitato tecnico scientifico, si chiede: "Se non ora quando? L'aumento di contagi è già legato alla variante Omicron e i dati peggioreranno ulteriormente"

Video

Il professor Sergio Abrignani, immunologo e membro del Comitato tecnico scientifico ha le idee chiare riguardo all'epidemia covid in Italia: «La variante Omicron è esplosiva. Se non mettiamo l'obbligo vaccinale ora, quando? È probabile che l'aumento di contagi in Italia sia già dovuto alla nuova variante. Sappiamo che avremo picchi di infezioni notevoli».

Leggi anche > Covid, Oms: «In Europa sta arrivando la tempesta Omicron»

Ieri sono stati registrati oltre 30mila nuovi casi. «Mi chiedo: se non consideriamo l'obbligo vaccinale per una malattia così devastante e pandemica, cosa dobbiamo aspettare? Se non mettiamo l'obbligo vaccinale in questo caso, quando dobbiamo metterlo?».

«È probabile che l'aumento di contagi sia già dovuto alla variante Omicron. Non penso possa essere la variante Delta a fare tutto questo. Credo che dai prossimi rilievi si vedrà una presenza significativa di Omicron», dice Abrignani in collegamento con Agorà.

«In Gran Bretagna hanno previsto anche 200mila infezioni al giorno, sono quasi arrivati a 100mila. In Francia c'è una progressione e probabilmente sanno che arriveranno a 100mila casi. Noi siamo indietro di 10-15 giorni, non penso che l'Italia rimarrà fuori da tutto questo. I numeri contano: con la variante Delta avevamo 5mila infezioni al giorno e 150 polmoniti, di cui una ventina finivano in terapia intensiva. Con questa abbiamo 50mila infezioni al giorno e 750 polmoniti, un centinaio di persone in terapia intensiva: questo fa scattare l'allarme», dice delineando lo scenario.

«Sappiamo che avremo picchi di infezioni notevoli, avremo un carico sui ricoveri ospedalieri ma da quello che vediamo in Gran Bretagna non dovremmo avere un picco di infezioni severe. È una variante molto più diffusiva. Quando parte, parte. in Inghilterra, vediamo un numero impressionante di casi: avverrà anche da noi», continua l'immunologo. «Se anche provocasse meno polmoniti, infettando 5 volte di più provocherebbe più casi da terapia intensiva».

«La malattia provocata sembra comparabile a quella della Delta, la differenza è che siamo vaccinati. Omicron trova una popolazione ampiamente vaccinata: con due dosi la protezione dall'infezione scende al 30-40% ma quella dalla malattia grave rimane molto alta. La terza dose è in grado di riportare la protezione dall'infezione a livelli più alti», osserva.

Anche gli adolescenti «faranno la terza dose al più presto. Non è sorprendente. Nel mondo dei vaccini, le 3 dosi sono la regola», spiega anticipando come si svilupperà la campagna di vaccinazione.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Dicembre 2021, 16:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA