Bimba di 10 anni si ammala di Kawasaki, il virus subentrato al Covid-19. «Ecco come l’abbiamo salvata»

Video

ANCONA - Una bimba di 10 anni curata al Salesi dal Kawasaki, una malattia rara. Provvidenziale la terapia a cui è stata sottoposta nel reparto di Anestesia e Rianimazione pediatrica, diretto dal dottor Alessandro Simonini.
«La bambina sta molto meglio - rassicura Simonini - è ricoverata in Pediatria, è arrivata con una situazione cardiologica complessa, dopo la febbre molto alta per 5 giorni e una serie di sintomatologie. Abbiamo dovuto intubarla e sottoporla a ventilazione meccanica». La piccola era affetta da Coronavirus. «Come la mamma - spiega il medico - ma l’abbiamo scoperto solo con il test sierologico perché era negativa a due tamponi e non c’erano tracce del virus nella secrezione bronchiale. Il sospetto è che il Kawasaki sia subentrato al Covid». Va nelle pieghe del male. «L’eziologia è sconosciuta, quasi sempre l’origine di questa malattia autoimmune è infettiva: si manifesta tardivamente, dà congiuntivite, febbre molto alta, secchezza delle labbra, lingua rossa, manifestazioni cutanee e problemi gastrointestinali. Nella fase subacuta può interessare il cuore e provocare miocardite». È la conferma che il Coronavirus nei bambini può scatenare altre patologie? «Nei piccoli pazienti - è sempre la voce di Simonini - il Covid sembra non determinare la condizione dell’adulto, ma non è meno pericoloso: quando ci arriva un bambino positivo, scaviamo a fondo. Nella riorganizzazione degli ospedali in vista della fase-2 richiesta dal dg Caporossi, la mia idea è sottoporre a tampone immediato tutti i bambini che arriveranno al Salesi, anche asintomatici, oltre all’accompagnatore, con percorso di pre-ricovero sicuro».

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 4 Maggio 2020, 10:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA