Emicrania malattia sociale: a settembre pronta una legge

Il riconoscimento dell' emicrania come malattia sociale, come i tumori e altre patologie. Potrebbe essere approvata e quindi diventare legge entro settembre, se non vi sono modifiche che portano a un rinvio del testo all'altro ramo del Parlamento, la proposta in tal senso presentata dalla senatrice Paola Boldrini (Pd) membro della Commissione Sanità del Senato, e 'rivisitatà in un testo unico oggi alla Camera.

A spiegarlo la stessa Boldrini, in occasione della presentazione di una ricerca Censis sull' emicrania. «La proposta - spiega Boldrini - innanzitutto è passata come testo unico alla Camera, il bicameralismo prevede che arrivi anche in Senato, verrà accompagnata, collegata a quella che arriverà dalla Camera. Non so se ci saranno emendamenti, spero che vada via liscia così come era stata presentata anche perché è similare. Se non ci sono emendamenti, se il testo rimane quello è molto probabile che venga approvata per evitare che vada di nuovo alla Camera». «Una volta approvata diventa legge, si pubblica in Gazzetta Ufficiale, con tutto l'iter di riconoscimento che è quello derivato dai centri di riferimento, che avranno sicuramente specialisti in grado di conoscere vari tipi di emicrania».

Mercoledì 26 Giugno 2019, 16:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA