Covid, raddoppiati i casi di depressione e ansia tra gli adolescenti

Covid, raddoppiati i casi di depressione e ansia tra gli adolescenti

La probabilità di disturbi mentali è particolarmente alta fra ragazzi, che hanno risentito delle restrizioni più dei bambini

La pandemia ha causato un allarmante aumento di casi di ansia e depressione tra i giovanissimi: con un'incidenza raddoppiata rispetto all'epoca pre Covid. Un adolescente su 4, in Italia e nel mondo, ha i sintomi clinici di depressione e uno su 5 segni di un disturbo d'ansia. Lo dimostra una ricerca pubblicata su Jama Pediatrics che ha incluso 29 studi condotti su oltre 80.000 giovani. Questo diffuso disagio mentale rischia di mettere una seria ipoteca sulla salute futura dei ragazzi. Lo affermano gli esperti al congresso nazionale della Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia. La probabilità di disturbi mentali è particolarmente alta fra i ragazzi più grandi, che più dei bambini, spiegano gli psichiatri, hanno risentito delle restrizioni che non hanno consentito di vivere in serenità e assieme ai coetanei momenti fondamentali della crescita, dalle prime relazioni all'esame di maturità.

 

Leggi anche > Green pass, durata illimitata con la terza dose. Tutte le nuove misure del Governo

 

Tutto questo è confermato anche da un secondo studio, su 1.500 bambini e adolescenti, pubblicato sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. Una situazione che potrà purtroppo avere conseguenze negative sul lungo periodo: è stato infatti dimostrato che soffrire di depressione durante l'infanzia e l'adolescenza si associa da adulti a una salute peggiore, mentale e non solo, e a maggiori difficoltà nelle relazioni e nella vita in generale. Questo è vero soprattutto per chi ha sofferto in maniera persistente di sintomi depressivi: essere costantemente 'sotto tono', specialmente durante l'adolescenza, avvertono gli esperti, ha ripercussioni più negative di un singolo episodio depressivo anche molto precoce, se questo viene poi risolto.

 

E' perciò necessario, è il monito degli specialisti a congresso, «intercettare il disagio mentale nei ragazzi e intervenire, utilizzando gli strumenti più adeguati al singolo caso e tenendo conto delle peculiarità connesse alla giovane età». Proprio per rispondere ai bisogni dei giovani pazienti e dare indicazioni sulla gestione dei trattamenti, all'interno della Società italiana di NeuroPsicoFarmacologia (Sinpf) è di recente nato il Gruppo di Ricerca in NeuroPsicoFarmacologia dell'Infanzia e Adolescenza. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Gennaio 2022, 17:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA