Coronavirus, vaccino già a giugno in Belgio e Germania: «Primi test su adulti sani»

Coronavirus, vaccino già a giugno in Belgio e Germania: «Primi test su adulti sani»

I primi test clinici sul vaccino contro il coronavirus da parte della tedesca CureVac inizieranno già a giugno, al massimo a luglio, e partiranno in Belgio e Germania: ad annunciare la novità è stato il nuovo presidente del consiglio di vigilanza dell'azienda, Jean Stéphenne, ad alcuni media belgi.

Leggi anche > Die Welt attacca l'Italia: «La mafia aspetta i soldi dell'Europa»

Secondo quanto detto da Stéphenne, gli studi clinici inizieranno nel mese di giugno, 
«massimo a luglio», su persone adulte e in buona salute che non sono state contagiate. Successivamente, ha spiegato, il vaccino sperimentale sarà iniettato in persone esposte al virus e infine agli anziani, la fascia più a rischio. L'obiettivo dei test è «esaminare che tipo di anticorpi vengono indotti dal vaccino, ma anche comprendere, per le persone che sono state infettate dal virus, qual è la risposta immunitaria che è stata indotta».

Leggi anche > Coronavirus, 100 medici morti in Italia dall'inizio della pandemia: oggi altri 4 decessi

Dopo aver effettuato i primi test sulla sicurezza e il dosaggio del vaccino, a essere coinvolte nello studio saranno fra le duemila e le tremila persone. «Quando avremo raccolto tutti questi risultati, avremo delle discussioni con le autorità e gli scienziati per vedere se il vaccino dovrà già essere utilizzato», e allora si deciderà se allargare lo studio a 10mila o 20mila persone, ha spiegato il presidente.

Leggi anche > Coronavirus, dal tabacco selvatico la speranza per una possibile cura

CureVac si sta concentrando su una tecnologia vaccinale che si basa su molecole di RNA messaggero (mRNA) che stimolano il sistema immunitario. Se i test sul primo vaccino non dovessero essere soddisfacenti, l'azienda tedesca ha già pronti altri due o tre candidati per condurre nuovi studi. Curevac è destinataria di finanziamenti sia da parte del governo tedesco che dell'Unione europea, che ha destinato all'azienda 80 milioni di euro. Il belga Jean Stéphenne, ex dirigente di Gsk, ne è diventato presidente del consiglio di vigilanza il 4 aprile dopo l'allontanamento del CEO americano, avvenuto in seguito ai rumors su un tentativo di acquisto pilotato da Trump.

Ultimo aggiornamento: Giovedì 9 Aprile 2020, 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA