Le macchie sulla pelle potrebbero essere uno dei sintomi del coronavirus: ecco a cosa bisogna fare attenzione

Le macchie sulla pelle potrebbero essere uno dei sintomi del coronavirus: ecco a cosa bisogna fare attenzione

Anche la pelle può essere una spia per i sintomi del coronavirus. A spiegare cosa accade è uno studio italiano appena pubblicato su Acta dermatologica, American Journal Dermatopathology e Journal of Dermatological Science. I ricercatori della Clinica dermatologica dell’Università degli Studi di Milano hanno analizzato la pelle dei malati di covid, notando dei segni che possono essere campanello d'allarme.

Leggi anche > Mascherine e guanti, come smaltirle a casa e a lavoro: non vanno nei cestini di bagno o scrivania

Secondo uno dei ricercatori,  Raffaele Gianotti, la pelle può essere una spia dell'infezione prima ancora che si manifestino i sintomi più evidenti: «Nella maggioranza degli adulti le macchie sulla pelle scompaiono in poco tempo insieme al virus mentre le lesioni cutanee più pericolose si manifestano in pazienti ricoverati in terapia intensiva con gravi danni a polmoni e reni. I bambini, invece, possono presentare lesioni rosso vivo alle dita dei piedi senza mostrare i minimi segni sistemici dell’infezione».

Più volte è stato ripetuto che si tratta di un virus multiorgano, che quindi può colpire diverse parti del nostro corpo, tra cui appunto la pelle. Va però chiarito che questo non deve allarmare tutti coloro che dovessero ritrovarsi macchie rosse sulla pelle. Gli esperti consigliano di non preoccuparsi per la comparsa sporadica di macchie o bolle, ma qualora queste siano associate a febbre alta e tosse è bene rivolgersi a un medico. 
Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Maggio 2020, 14:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA