Coronavirus, dispenser anti contagio con disinfettanti in treni, stazioni, aeroporti e luoghi affollati
di Mario Fabbroni

Coronavirus, dispenser anti contagio con disinfettanti in treni, stazioni, aeroporti e luoghi affollati

Dispenser con disinfettanti per le mani alle fermate della metro, nelle stazioni dei treni, negli aeroporti e negli spazi pubblici più affollati per garantire il massimo livello d'igiene e contrastare anche la possibile diffusione del coronavirus. È il piano speciale elaborato dalla task force istituita dal Ministero della Salute per gestire l'emergenza coronavirus. Un piano che dovrebbe entrare in vigore se si aggraverà il livello di contagio. In particolare il Governo ha messo in allerta le aziende che producono i dispositivi medici indispensabili per contrastare il contagio da coronavirus, inserendo anche le mascherine.

Leggi anche > Coronavirus, contagiato un 38enne in Lombardia: ricoverato a Codogno. «È in terapia intensiva»



LIBERATI. Ieri è finita la quarantena per i 55 connazionali che - una volta fatti rientrare dalla Cina - erano stti messi in isolamento. Erano entrati nella città militare della Cecchignola con l'onta del sospetto e sono usciti con il marchio di garanzia che li indica come «gli unici italiani virus free. Siamo sani, ma non solo. A differenza degli altri connazionali siamo sicuri al 100% di non avere il virus e ora abbiamo perfino un certificato che lo attesta», dice fiero Paolo, 50 anni di Modena, all'uscita dei cancelli.

IL SOSPETTO. «Poche storie, il coronavirus è trasmesso anche da chi non ha sintomi». A sottolinearlo sono il virologo Roberto Burioni e il collega Nicasio Mancini in un focus su Medical Facts. «Due recentissime comunicazioni scientifiche confermano i timori che, sin dall'inizio dell'epidemia, vi stiamo presentando sulle pagine del nostro sito - scrivono gli esperti - Siamo stati fra i primi a seguire l'andamento di quest'epidemia di coronavirus, sin da quando i casi si limitavano a poche decine. Il virus viene trasmesso anche in assenza di sintomi».

NUOVO VOLO. Decollerà alle 14 da Tokyo il volo che riporterà in Patria gli italiani della nave da crociera Diamond Princess, bloccata in Giappone. L'aereo farà scalo a Berlino per far sbarcare alcuni passeggeri e proseguirà poi verso Pratica di Mare, dove è atteso all'alba di domani. Intanto sulla nave-lazzaretto sono morti due turisti anziani e aumentano i contagiati. E in Cina, per la prima volta, il numero delle persone dichiarate guarite ha superato quelle contagiate.

PICCO INFLUENZALE. Il coronavirus ha fatto quasi dimenticare che in Italia esiste soprattutto l'influenza. Il picco dei contagi però sembra in diminuzione negli ultimi giorni mentre sale il numero dei casi gravi (118 persone) e dei decessi (24 casi). Sono stati 656.000 gli italiani costretti a letto dall'influenza la scorsa settimana, per un totale (da metà ottobre a oggi) di circa 5.632.000 casi.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Febbraio 2020, 08:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA