Aviaria, il prof. Massimo Andreoni: «Per l'uomo è letale, va evitato il salto di specie»

Aviaria, il prof. Massimo Andreoni: «Per l'uomo è letale, va evitato il salto di specie»

Aviaria, l'allarme del professor Massimo Andreoni: «Dobbiamo assolutamente evitare il salto di specie». Il primario di Infettivologia del Policlinico Tor Vergata a Roma infatti avverte: «Nell'uomo questo virus ha una letalità che, a seconda dei ceppi, può variare dal 30% al 50%».

 

Leggi anche > Aviaria, in provincia di Ferrara sequestrati 50mila tacchini. Focolai anche nel Veronese

 

 

 

 

Il professor Andreoni, che è anche direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali, spiega all'AdnKronos Salute: «Il controllo della circolazione di ceppi aviari negli animali è fondamentale, perché questi ceppi si sono occasionalmente trasmessi all'uomo e hanno una letalità estremamente alta. L'H5N1 per esempio ha una letalità che nell'uomo arriva al 50%, l'H7N9 al 30%. Per fortuna fino ad oggi non ci sono mai stati passaggi interumani, da uomo a uomo, il virus si è trasmesso alle persone sempre per contatto diretto con l'animale malato. Essendo patogeni estremamente letali per l'essere umano, evidentemente bisogna fare di tutto per scongiurare che avvenga questa ulteriore acquisizione da parte del virus, cioè questa capacità di trasmissione da uomo a uomo».

 

Per evitare lo spillover, il salto di specie del virus dai volatili all'uomo, sono essenziali il monitoraggio costante e l'intervento tempestivo. «Abbiamo già avuto negli ultimi anni la circolazione di ceppi aviari fra gli uccelli, che ha creato anche delle epidemie tra questi animali. Eccezionalmente, il più delle volte nel Sudest asiatico, abbiamo avuto anche casi umani di aviaria. In queste zone ci sono stati anche piccoli focolai ma hanno sempre avuto numeri contenuti, non essendoci il passaggio da uomo a uomo infatti il rischio è ridotto nella trasmissione» - spiega il professor Massimo Andreoni - «In ogni caso, di infezioni umane ce ne sono state diverse centinaia in tutto il mondo, non poche se le guardiamo complessivamente. Le indagini epidemiologiche che vengono fatte normalmente sugli uccelli trovati morti e sugli uccelli selvatici e di allevamento, sono fondamentali, perché permettono di controllare la circolazione di questi virus tra la popolazione aviaria e allertare tempestivamente su eventuali casi che possono determinarsi negli esseri umani».

 

La frequenza con cui si intercettano focolai fra i volatili nel nostro Paese e in Europa «al momento non sembra essersi intensificata rispetto al passato», spiega l'infettivologo. Ma certamente se questi fenomeni dovessero diventare meno rari sarebbe «qualcosa di preoccupante che va tenuto sotto controllo. Quando questi virus entrano negli allevamenti diventa sempre un problema estremamente serio. Ci sono allevamenti di pollame che sono stati completamente annientati dall'arrivo al loro interno dell'influenza aviaria». Deve essere «un fenomeno di attenta osservazione e bisogna intervenire immediatamente per bloccare l'epidemia stessa fra gli uccelli e per evitare il passaggio all'uomo. Questo adattamento del virus può sempre avvenire, nelle mutazioni che fa potrebbe anche acquisire questa caratteristica della trasmissibilità da uomo a uomo. Anche se finora per fortuna non è mai successo. Ci mancherebbe solo l'aviaria in questo momento», conclude Massimo Andreoni.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Novembre 2021, 13:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA