Alzheimer, per evitarlo e ritardarlo dobbiamo dormire 7,5 ore a notte

Alzheimer, per evitarlo e ritardarlo dobbiamo dormire 7,5 ore a notte

Lo rivela uno studio del Centro di medicina del Sonno della Washington University che per anni ha monitorato il sonno di 100 anziani

Addio alle 8 ore consigliate da tutti. Troppe ore di sonno o troppo poche fanno male. Dormendo troppo si aumenta la probabilità che le funzioni cerebrali peggiorino con il passare degli anni. E anche le famose 8 ore, consigliate da tutti, sarebbero troppe. Le persone dovrebbero dormire non più di 7 ore e mezzo a notte, per ritardare l'insorgenza e il peggioramento dell'Alzheimer.

 

Leggi anche > Sottovariante Delta, nuova mutazione contagiosa fino al 15% in più. Cos'è e perché è pericolosa

 

A dichiararlo è una nuova ricerca del Centro di medicina del Sonno della Washington University. È stato scoperto che troppo sonno, aumenta la probabilità di deterioramento delle funzioni cerebrali, un sintomo classico dell'Alzheimer. 



«Il nostro studio suggerisce che c'è una fascia media o 'punto debole' nel tempo totale di sonno in cui le prestazioni cognitive rimangono stabili nel tempo», ha affermato il dottor Brendan Lucey del Centro di medicina del sonno della Washington University e autore principale dello studio. Nell'articolo pubblicato sulla rivista Brain, i ricercatori scrivono: «Questi risultati supportano la convinzione che gli interventi sul sonno abbiano una fascia media ottimale...».

 


L'Alzheimer è stato il principale killer nel Regno Unito tra il 2016 e il 2019 e, prima dell'avvento del covid, è stato responsabile di più morti nel 2020. È noto da tempo che il sonno, il declino cognitivo e l'Alzheimer sono collegati, ma è stato difficile individuare il collegamento. Precedenti prove hanno dimostrato che il declino cognitivo, che si manifesta con perdita di memoria, confusione e l'impiego di più tempo per imparare cose nuove, è legato a un sonno scarso.

 

Il dottor Lucey ha reclutato 100 persone anziane e, per diversi anni, ha monitorato il loro sonno per una settimana con cappucci EEG che registravano le onde e l'attività cerebrali. Sono stati utilizzati test e questionari per misurare le prestazioni cognitive e la prontezza, mentre i ricercatori hanno anche prelevato campioni di sangue e fiale di liquido cerebrospinale per vedere se i partecipanti avevano alti livelli di proteine ​​dell'Alzheimer nei loro sistemi.


L'88% delle persone analizzate, non avevano disturbi congnitivi, l'11% erano lievemente compromessi e 1 aveva un lieve deterioramento cognitivo. Le prestazioni cognitive erano più scarse nelle persone che dormivano troppo o troppo poco. Quelli, invece, nella fascia media tra le cinque ore e mezza e le sette ore e mezza non hanno mostrato segni di deterioramento della funzione cognitiva.

 

«Tempi di sonno brevi e lunghi sono stati collegati a scarse prestazioni cognitive, probabilmente a causa di un sonno scadente o di una scarsa qualità del sonno - ha affermato il dottor Lucey -. Una domanda senza risposta è se possiamo intervenire per migliorare il sonno, ad esempio aumentando il tempo di sonno per i dormiglioni di circa un'ora, questo avrebbe un effetto positivo sulle loro prestazioni cognitive in modo che non si deteriorino? Abbiamo bisogno di più dati longitudinali per rispondere a questa domanda». 

 

Il dottor David Holtzman, professore di neurologia e co-autore senior del rapporto, ha affermato che è «particolarmente interessante vedere che non solo coloro che hanno dormito poco, ma anche coloro che hanno dormito a lungo hanno avuto un maggiore declino cognitivo. Suggerisce che la qualità del sonno può essere fondamentale, al contrario del semplice sonno».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Ottobre 2021, 22:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA