Medici e infermieri multati per «troppi straordinari» durante emergenza Covid, il caso al pronto soccorso del policlinico di Bari

L'azienda ospedaliera impugna il verbale da 27mila euro fatto dall'ispettorato del Lavoro. Il primario scrive a Mattarella

Video

Una multa da 27.100 euro ricevuta dall'Ispettorato del lavoro per aver «durante il drammatico periodo Covid» svolto, lui e il resto del personale, straordinari nel pronto soccorso del Policlinico di Bari andando oltre le ore di lavoro previste dalla legge.

Covid, il virologo Pregliasco: «Casi sottostimati, duro incremento dei decessi». Gli ultimi dati: cosa sta succedendo

Medici e infermieri multati per "troppo lavoro"

A ricevere la sanzione amministrativa il direttore del pronto soccorso, Vito Procacci, che ha preso carta e penna e ha scritto «amareggiato» al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Nella lettera Procacci evidenzia che la sua struttura durante il periodo Covid ha salvato «la vita a circa 8600 pazienti, di cui 1600 ventilati meccanicamente».

LA LETTERA A MATTARELLA

«Le scrivo - dice - perché oggi, dopo tutto l'impegno profuso da me e dalla mia meravigliosa equipe nel contribuire orgogliosamente a rendere un essenziale servizio ai cittadini, in nome del giuramento di Ippocrate e dell'articolo 32 della Costituzione, le affido tutta l'amarezza, la delusione e lo sgomento per il trattamento ricevuto da uno Stato che amo ma nel quale ad oggi faccio fatica a riconoscermi». «Nei giorni scorsi io e i miei colleghi, direttori di reparti intensivistici, impegnati nel periodo Covid, siamo rimasti allibiti - spiega - nell'aver ricevuto dal locale Ispettorato del Lavoro una pesante e paradossale sanzione amministrativa, che nel mio caso è pari a 27.100 euro. Tutto ciò, per aver adempiuto al nostro dovere ineluttabile di operatori sanitari durante il periodo tragico dell'emergenza Covid».

Il verbale imputa ai sanitari «di non aver rispettato all'epoca i riposi prescritti e aver lavorato più delle ore previste (tra l'altro calcolo tecnicamente infondato)».

Procacci annuncia di aver fatto «opposizione» ma «non posso negarle che - scrive rivolgendosi a Mattarella - mi sento profondamente ferito da un Paese che fino a poco tempo fa ci definiva eroi, insignendoci, tra l'altro, di un premio per 'aver fatto respirare la Gente di Puglià e oggi ci chiama trasgressori in un burocratico quanto asettico verbale di sanzione amministrativa».

 

MULTA IMPUGNATA

Il Policlinico di Bari ha deciso di impugnare l'accertamento dell'ispettorato del lavoro nei confronti di alcuni primari. Il verbale imputa ai sanitari «di non aver rispettato all'epoca i riposi prescritti e aver lavorato più delle ore previste». «Proprio nel periodo oggetto della contestazione - replicano dal Policlinico - il personale sanitario era ancora fortemente impegnato nella risposta all'emergenza Covid19. E i pronto soccorso, attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sono sempre pronti ad affrontare situazioni d'urgenza, salvando vite di pazienti in condizioni critiche». Queste considerazioni, secondo l'ufficio legale del Policlinico, sono meritevoli di essere meglio esaminate nella successiva fase di impugnativa dell'accertamento.


Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Ottobre 2023, 12:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA