Medico negazionista: «Siamo cavie, ricorro al Tribunale per sospendere i vaccini»

Medico negazionista: «Noi cavie da sperimentazione, ho firmato il ricorso al Tribunale per sospendere i vaccini»

Il medico no-vax rilancia la sua (personale) battaglia contro i vaccini. «Sono il primo firmatario del ricorso al Tribunale della Unione Europea finalizzato ad ottenere la sospensione dell'utilizzo di vaccini genici fino a quando non sia svolta e terminata una sperimentazione completa che certifichi, da parte di un autorevole ente terzo, la loro effettiva efficacia e sicurezza. I vaccini attuali sono stati autorizzati dalla Commissione Europea sulla base di una mera autodichiarazione di loro validità rilasciata dai produttori. Questi ultimi saranno tenuti a fornire prova della loro efficacia quando ormai tutti i cittadini europei saranno vaccinati».

CONTINUIAMO A FAR MATURARE LE COSCIENZE. DIRITTO ALLA SALUTE E PRINCIPIO DI PRECAUZIONE: CHIEDO AL TRIBUNALE EUROPEO...

Pubblicato da Mariano Amici su Venerdì 19 febbraio 2021

Così il medico Mariano Amici su Facebook lancia la sua ennesima battaglia contro i vaccini anti Covid. Amici, medico di famiglia di Ardea (Roma), è già stato segnalato all'Ordine di Roma e provincia per le sue posizioni negazioniste nei confronti del virus Sars-CoV-2 e dei vaccini. «In sostanza - spiega - il rischio che cerco di contribuire a sventare è che si diventi tutti cavie di una sperimentazione che non è stata condotta adeguatamente». 

«Robert Kennedy è no-vax». Instagram chiude l'account del nipote dell'ex presidente Usa

Covid, sospeso medico negazionista sotto inchiesta altri due sanitari no vax

Negazionista Covid, video e foto negli ospedali: «Il virus non esiste». Facebook si ribella, la polizia la scova e la multa

Vaccini, Bassetti minacciato di morte dai no-vax sui social: l'infettivologo scortato sotto casa e in ospedale

 

«Prima di commercializzare un farmaco di particolare invasività ed incertezza quanto alle sue conseguenze perché di formulazione genica - prosegue Amici - è necessario che sia valutato il rispetto di tutte le leggi in materia di sperimentazione e sicurezza». «Il mio ruolo di medico mi impone non di oppormi al vaccino in quanto tale, battaglia che non ho mai fatto - puntualizza - ma di salvaguardare il diritto alla salute ed il principio di precauzione a favore dei miei pazienti in ossequio al giuramento che feci quando iniziai questa meravigliosa professione. L'auspicio - conclude - è quello che in poche settimane il Tribunale Europeo possa fare chiarezza e sollecitare lo svolgimento di sperimentazioni più adeguate».


Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Febbraio 2021, 14:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA