Infermiere sedato e intubato per 6 settimane per sconfiggere il Covid19: «Ho perso 23 chili»

Mike Schultz, infermiere americano, mostra le sue foto prima e dopo aver contratto il coronavirusSchultz, 43 anni, è stato ricoverato in ospedale per sei settimane, di cui 4 trascorse all’interno del reparto di terapia intensiva e su Instagram fa sapere: “Volevo mostrare a tutti quanto possa essere grave restare sedato per 6 settimane attaccato a un ventilatore o intubato”.

Mamma di 40 anni muore con il Covid19: contagiata tutta la famiglia

​Mihajlovic, la figlia Viktorija a Vieni da me: «Famiglia e calcio hanno tenuto in vita mio padre»



Con un post dal suo profilo Instagram ha mostrato la differenza fisica che testimonia la lotta al Covid19, nella parte destra in piena forma prima del contagio e a sinistra quella scattata una volta uscito dalla fase critica: “Volevo mostrare a tutti quanto possa essere grave restare sedato per 6 settimane attaccato a un ventilatore o intubato – ha scritto sul social -  Tra le altre conseguenze, il covid19 ha ridotto la mia capacità respiratoria con la polmonite. Per 8 settimane sono stato lontano dalla famiglia e dagli amici. Ogni giorno sono più forte e lavoro per aumentare la capacità polmonare. Tornerò dove ero, stavolta in maniera più sana .... forse anche facendo cardio 😱. # covid19 #caronavirus #recovery #godblessmynurses”.

Mike potrebbe aver contratto il virus durante un concerto live a cui ha assistito a inizio marzo. A metà mese è stato ricoverato in ospedale con febbre alta e difficoltà respiratorie. E’ stato intubato e poi trasferito in un nosocomio più attrezzato: quando si è svegliato era convinto di essere ricoverato da una settimana, quando in realtà ne erano trascorse quattro. Il peso di Schultz prima della malattia era circa di 86 chili, ma durante le prime fasi del recupero è arrivato a pesarne 63.

 
 


 
 
 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Maggio 2020, 19:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA