Vaccini, basta una sola dose «per chi ha avuto il Covid». Doppia ricerca sulla risposta immunitaria

Vaccini, basta una sola dose «per chi ha avuto il Covid». Doppia ricerca sulla risposta immunitaria

«Una sola dose di vaccino è sufficiente per chi ha avuto il Covid». Lo stabilisce una doppia ricerca americana, che apre così nuovi scenari. «Per queste persone una sola dose del vaccino è sufficiente per caricare i loro anticorpi e distruggere il coronavirus e anche alcune varianti più infettive», spiegano gli studi. I risultati di queste 2 nuove ricerche sono coerenti con altri due risultati, pubblicati nelle ultime settimane. 

«Penso che sia una motivazione davvero forte per cui le persone che erano state precedentemente infettate da Covid dovrebbero ricevere il vaccino», ha detto Jennifer Gommerman, immunologa dell'Università di Toronto che non era coinvolta nella nuova ricerca. La risposta immunitaria di una persona a un'infezione naturale è molto variabile. La maggior parte delle persone produce abbondanti quantità di anticorpi che persistono per molti mesi. Ma alcune persone che hanno avuto sintomi lievi o nessun sintomo di Covid-19 producono pochi anticorpi, che scendono rapidamente a livelli non rilevabili.

Von der Leyen, rischiosi vaccini comprati fuori dallo schema europeo

Secondo Gommerman, chiunque si sia ripreso dal Covid-19 produce abbastanza anticorpi per proteggersi dal virus. L'ultimo studio, che non è stato ancora pubblicato su una rivista scientifica, ha analizzato campioni di sangue di persone che hanno avuto Covid-19. I risultati suggerivano che il loro sistema immunitario avrebbe avuto problemi a respingere B.1.351, la variante del coronavirus identificata per la prima volta in Sud Africa. Ma una dose del vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna ha cambiato significativamente il quadro: ha amplificato la quantità di anticorpi nel sangue di mille volte, «una spinta enorme», ha detto Andrew T. McGuire, un immunologo presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, che ha guidato lo studio.

Vaccini, il piano nel Lazio. Calendario, prenotazioni, over 65: tutto quello che c'è da sapere

Gli anticorpi sembravano funzionare meglio di quelli nelle persone che non avevano avuto Covid e avevano ricevuto due dosi di un vaccino. Diversi studi hanno suggerito che i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna sono circa cinque volte meno efficaci contro la variante. I ricercatori hanno ottenuto campioni di sangue da 10 volontari nel Seattle Covid Cohort Study che sono stati vaccinati mesi dopo aver contratto il coronavirus. Sette dei partecipanti hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech e tre hanno ricevuto il Moderna. Il sangue prelevato circa due o tre settimane dopo la vaccinazione ha mostrato un aumento significativo della quantità di anticorpi rispetto ai campioni raccolti prima della vaccinazione. I ricercatori non sanno ancora per quanto tempo persisterà la maggiore quantità di anticorpi, ma «si spera che dureranno a lungo», ha detto il dott. McGuire.

Varianti, Moderna: a lavoro su vaccino ad hoc ma potrebbe bastare una terza dose

In un altro nuovo studio, i ricercatori della New York University hanno scoperto che una seconda dose del vaccino non ha aggiunto molto beneficio per le persone che hanno avuto il Covid, un fenomeno che è stato osservato anche con vaccini per altri virus. In quello studio, la maggior parte delle persone era stata infettata dal coronavirus otto o nove mesi prima, ma ha visto i propri anticorpi aumentare da cento a mille volte quando è stata somministrata la prima dose di un vaccino. Dopo la seconda dose, tuttavia, i livelli di anticorpi non sono aumentati ulteriormente. «È una vera testimonianza della forza della memoria immunologica che ricevono una singola dose e hanno un enorme aumento della protezione», ha detto il dottor Mark J. Mulligan, direttore del N.Y.U. Langone Vaccine Center e l'autore principale dello studio.

 

Varianti Covid, allerta a Roma: la Asl richiama i vaccinati (dopo il caso dei medici positivi)

Virus, varianti in crescita: zona rossa fino al 28 ecco i comuni e le zone inetressate


Ultimo aggiornamento: Sabato 20 Febbraio 2021, 09:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA